16 Ottobre 2015 |

10 curiosità sui sogni che forse non conoscevi

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Scopriamo 10 curiosità sui sogni che forse non conoscevi per indagare un mondo tanto misterioso da aver fatto interrogare moltissime persone nel corso dei secoli. Cosa accade quando sogniamo? Quali sono i sogni più ricorrenti? Come interpretare i sogni? Proviamo a fare luce sul mondo dei sogni e scoprire alcune caratteristiche che neanche immaginavi.

Capita a tutti di sognare ogni notte, ma ancor più spesso accade di non riuscire a ricordare ciò che abbiamo sognato. Ma cosa sono i sogni? Non sono altro che immagini, suoni, pensieri, voci e sensazioni soggettive che percepiamo e viviamo durante il sonno e che possono rendere quest’ultimo più o meno piacevole e agitato. Talvolta si tratta di luoghi e persone che conosciamo benissimo e che frequentiamo spesso, mentre altre volte ci sembra di vivere un’esperienza soprannaturale e sconosciuta, a contatto con persone mai viste prima e alla scoperta di immaginari sconosciuti. Da sempre i sogni sono stati oggetto di grandi studi e ricerche perché considerati, soprattutto dalla psicanalisi, una porta d’accesso secondaria al nostro inconscio e quindi in grado di svelarci qualcosa di noi molto intimo e personale che in altri modi non riusciremmo a cogliere. Le teorie e le scuole di pensiero sono molte e spesso in contrasto tra loro, quello che però rimane è che i sogni appartengono ad un mondo affascinante e misterioso che ognuno di noi vorrebbe indagare e conoscere meglio. Ecco 10 curiosità sui sogni che forse non ti aspetti!

1. Si sogna anche nella fase Non-REM

Si è sempre pensato che i sogni appartenessero solo alla fase REM del sonno e, cioè, a quella più profonda. In realtà, alcune ricerche sostengono che si possa sognare anche nella fase non-REM e che i sogni fatti nelle diverse fasi sarebbero differenti tra loro: persone conosciute nella vita reale per la fase REM e personaggi e ambientazioni sconosciute in quella N-REM, con la conseguente sensazione di vivere in un mondo parallello e irrealistico.

2. Dimentichiamo il 90% dei sogni

Non importa se abbiamo passato una notte ricchissima di sogni, perché, dopo soli cinque minuti dal risveglio, circa il 50% dei nostri sogni viene dimenticato. Dopo 10 minuti addirittura il 90% dei sogni sparisce dalla nostra mente, lasciandoci solo una vaga idea e sensazione di ciò che è accaduto durante la notte. Se vi svegliate durante la notte per un sogno che vi ha colpito particolarmente, cercate di appuntarvelo per evitare che svanisca al momento del risveglio.

3. Sogniamo soprattutto a colori

Secondo alcuni studi, l’80% dei sogni è a colori, anche se c’è un piccola parte di essi che risulta essere in bianco e nero. Da quanto emerso negli esperimenti condotti, le persone ricordano di aver sognato principalmente a colori, preferendo su una tabella dei colori a loro mostrata, le tinte pastello a quelle accese. Alcune ricerche segnalano anche che solo una piccola parte della popolazione, circa il 10 %, sogni solo in bianco e nero.

4. Il corpo si paralizza durante il sogno

Durante la fase REM il corpo si paralizza e solo gli occhi compiono dei movimenti rapidissimi. Questo accade perché il cervello attiva un meccanismo che impedisce al corpo di riprodurre i movimenti prodotti nel sogno anche nella vita reale come se stessimo realmente vivendo i fatti sognati. È anche possibile che ciò avvenga prima o dopo la fase REM, mentre il soggetto sia in procinto di svegliarsi.

5. I sogni sono universali

Per quanto possano personalizzarsi in base alle nostre esperienze di vita, esistono alcuni temi universali dei sogni che si presentano nel sonno di tutte le persone. Sognare di essere inseguiti, scappare, essere attaccati o cadere nel vuoto, ma anche sognare di volare, arrivare in ritardo ad un appuntamento importante, essere nudi in pubblico e sognare esami scolastici, sono tutti sogni ricorrenti che accomunano moltissimi individui e che si ripresentano nei nostri sonni anche di frequente.

6. I sogni sono simbolici

Il mondo dei sogni non è così lineare come può sembrare a primo impatto, perché sono ricchi di simboli e significati difficili da capire. L‘interpretazione dei sogni si occupa proprio di cercare di dare un senso e un significato profondo a quello che ci viene suggerito in sogno. Se sogniamo una particolare situazione, molto probabilmente il nostro subconscio non vuole parlarci di quello che abbiamo visto e percepito perché, quello utilizzato dai sogni, è un linguaggio profondamente simbolico. Se sogniamo un particolare simbolo o una determinata circostanza, infatti, è molto difficile che il sogno si riferisca in modo specifico a quel preciso simbolo o a quella particolare situazione.

7. Sogni con emozioni negative

Nella maggior parte dei sogni proviamo emozioni di tipo negativo e quella che dagli studi risulta essere la più diffusa è l’ansia. Le emozioni negative durante i sogni, infatti, sono più soggette a manifestarsi rispetto a quelle positive. Adulti e bambini tendono a ricordare maggiormente i sogni con emozioni negative rispetto a quelli con sensazioni piacevoli. Quante volte avete detto: “Ho fatto un incubo stanotte”?

8. Maschi e femmine sognano diversamente

Secondo alcuni studi, circa il 70% dei personaggi presenti nei sogni maschili sono altri uomini, a differenza delle donne che fanno sogni che contengono personaggi sia maschili che femminili. Un’altra differenza tra i sogni di uomo e donna è quella riguardante i tipi di emozioni che si provano. I sogni maschili, infatti, sarebbero caratterizzati da emozioni molto aggressive, mentre quelli femminili sarebbero più pacati e sereni.

9. Incorporare stimoli esterni

Molte volte capita di incorporare stimoli esterni durante il sonno e di farli diventare protagonisti dei nostri sogni. Se per esempio stiamo dormendo e sentiamo un suono reale esterno come quello della sveglia, può essere che questo diventi un tema portante del sogno e che si trasformi in un fischio, una sirena o un allarme. Questo avviene, spiega l’analista Lauri Loewenberg, perché la mente cerca, durante il sonno, di farci rimanere il più possibile addormentati provando ad incorporare all’interno dei sogni gli stimoli esterni.

10. Anche gli animali sognano

Non solo gli uomini, ma anche gli animali sognano. Secondo alcuni studi effettuati sul cervello animale durante il sonno, gli stimoli che si presentano nella mente umana sono gli stessi che avvengono in quella animale. Avete mai osservato un cane mentre dorme? Molto spesso inizia a vibrare, le zampe simulano la corsa, scodinzola, ringhia ed emette dei suoni molto simili ad un abbaio attutito. A differenza degli esseri umani, però, gli animali non ricordano i sogni.

Leggi anche:

Potrebbe interessarti anche