24 Febbraio 2015 |

Fai da te, ecco come vendere su Internet le proprie creazioni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
bomboniera

Per le esperte nel fai da te che stanno pensando di vendere su Internet le proprie creazioni, ecco come fare. Le regole, i siti, la normativa a qualche consiglio per avviare un e-commerce di successo.

Se siete esperte di fai da te e volete venderli per ricavarci qualche soldino o, addirittura, creare un vero e proprio e-commerce, non c’è un’idea migliore di quella di utilizzare Internet e la rete con tutte le sue risorse. Ma come fare?

Prima di tutto, è bene pensare che la rete è solo “apparentemente” no-limits, ma, in realtà ne ha diversi. Uno, il più importante è quello di farsi trovare nel mare magnum degli annunci.

Come vendere on line?

Mettiamo che abbiate creato delle bomboniere fai da te, l’idea migliore è vendere i prodotti su siti noti come Subito.it, Backeca, Kijiji e E-bay. In questo modo, potrete lanciare il vostro fai da te con la fotografia, la presentazione e l’annuncio di vendita, in modo del tutto gratuito. Inoltre, sarete protetti nella privacy e non dovrete “dare spiegazioni” sul prezzo e sui ricavi nel testo dell’annuncio. Ovvio che, per quanto riguarda i ricavi, dovete stare alle regole del fisco.

Vendere online senza partita Iva

Se avete appurato che il vostro prodotto funziona, allora dovete creare il vostro blog o il vostro sito. In questo modo creerete una vetrina on line delle vostre belle creazioni. Come dicevamo, si può vendere in regime di prestazione occasionale, emettendo una ricevuta specifica fino a raggiungere la soglia di guadagno di 5000€, dopo la quale sarà necessario aprire la P.IVA e pagare non più la ritenuta d’acconto (20%) sui compensi, bensì, appunto l’IVA.

Vendere su Facebook le proprie creazioni

Facebook non è un luogo di vendita. Anche se da qualche anno a questa parte, il suo entusiastico successo come social network più usato al mondo, lo ha certo reso allettante in quanto a strumento di vendita on line, vendere su Facebook è illegale. Ciò che si può fare sui social è invece la PUBBLICITA’. D’altra parte, vi risulta che esista una vendita di successo senza pubblicità? Usiamo Facebook come una vetrina, un modo per raggiungere i nostri contatti e “avvisare” che abbiamo creato un commercio o vogliamo sottoporre all’attenzione dei contatti, le nostre belle creazioni. Come? Creando una fan page del nostro sito o un evento di presentazione del prodotto.

Siti su cui vendere i fai da te per creare un e-commerce

Se la vostra idea funziona, potete pensare di fare un piccolo investimento di sponsorizzazione sia attraverso Facebook stesso, sponsorizzando appunto la pagina (servizio questo a pagamento) sia mettendo in vendita il vostro prodotto su siti a commissione di vendita (massimo al 3% attenzione) che, in cambio della vendita del prodotto, prenderanno una piccola percentuale di gestione del lavoro. Ne sono esempi i siti www.alittlemarket.it, www.misshobby.com/it, www.babirussa.it, www.blomming.com, www.etsy.com, dawanda.com.

Ricerca di mercato

Infine, ma non per ultimo, fate una piccola ricerca di mercato relativa al prodotto che andate a vendere per cercate di coprire un settore o una zona che non sono iper-inflazionate. Ovviamente, fate prezzi concorrenziali, siate sinceri, onesti e trasparenti al 100%. Il web è tanto utile con chi rischia, quanto impietoso con chi sbaglia! Chi pensa di nascondersi in genere si sbaglia di grosso!

POTREBBE INTERESSARTI:

Confezionare da casa: un’opportunità di lavoro a domicilio

Professioni al femminile, tante idee