10 gennaio 2014 |

Fabrizio Corona, dal carcere una lettera per Belen

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Belen, se ti avessi incontrato prima, forse oggi non sarei qui dentro. Dopo che abbiamo iniziato a frequentarci la mia vita è completamente cambiata e più passava il tempo, più il diavolo si allontanava da me. La mia immagine non ti ha rovinato, anzi ha contribuito a creare un personaggio incredibile, unico, uno strano mix di bellezza e trasgressione, fama e disobbedienza”. Ecco uno dei passi della lunghissima lettera che Fabrizio Corona ha scritto dal carcere alla sua ex compagna Belen Rodriguez.

Questa lettera, insieme a tante altre indirizzare a familiari, amici e all’ex moglie Nina Moric, sono contenute nel libro autobiografico che Fabrizio Corona ha scritto con l’aiuto del fratello Federico, mentre sta scontando la sua condanna a 7 anni in carcere. Il libro, edito da Mondadori, uscirà in libreria il 14 gennaio.

Dalla scalata alla fama, dalla ricchezza alla caduta, dai processi al carcere in un libro in cui Fabrizio Corona ricostruisce la sua parabola, e ripercorre tutte le tappe della storia d’amore con la giovane showgirl argentina, dal primo incontro in un locale di Riccione, quando lui era ancora sposato con Nina, alla nascita del loro amore. Una storia complicata segnata dalla perdita del bambino che Belen aspettava da lui e dall’incontro di lei con Stefano De Martino, l’uomo dal quale ha avuto un figlio e che alcuni mesi fa ha sposato.

La nostra è stata una storia d’amore a metà tra un reality e vita vera, con improvvisi e continui colpi di scena, dove purtroppo, ancora una volta, ero io il regista. Ero all’apice della carriera. Non avevo imparato ancora la lezione, non mi era bastato il fallimento del mio matrimonio e così ho continuato a commettere gli stessi errori, che però hanno contribuito a farti diventare quello che sei oggi”, una mamma e una moglie felice, mentre lui sta pagando il suo debito con la giustizia in carcere.

 LEGGI ANCHE:

Potrebbe interessarti anche