Buone notizie dallo Sri Lanka: assorbenti gratuiti garantiti alle studentesse

di Alice Marchese

Continua la lotta per la parità di genere e di emancipazione di un paese. Un problema a dir poco secolare è quello della gestione della vendita e della distribuzione degli assorbenti. Mesi fa, la Scozia è diventata la prima nazione al mondo a fornire gratuitamente prodotti igienici familiari per chiunque ne abbia bisogno, e l’Italia continua a non abbassare l’Iva dal 22% al 5%.

Ad inizio anno il Regno Unito abbandona la Tampon Tax:  le attiviste britanniche per anni avevano lottato per il conseguimento di questo obiettivo apparentemente difficile da raggiungere. Londra ha abolito l’Iva sui prodotti igienici finora tassati al 5% perché considerati da Bruxelles beni non essenziali.

Ma, nonostante questo scenario, lo Sri Lanka ci conferisce una preziosa notizia. Com’è riportato dal The Guardian e da D-Repubblica, grazie anche all’intervento di alcune associazioni locali, stanno introducendo una misura a sostegno delle fasce più povere che prevede la distribuzione gratuita di assorbenti prodotti nello Sri Lanka.

Le più penalizzate sono le studentesse, che saranno le destinatarie di questo grande beneficio, a causa anche del tabù vigente nei confronti delle mestruazioni in questo paese asiatico. La battaglia portata avanti da gruppi di donne procede per il riconoscimento dei prodotti sanitari femminili e del loro carattere essenziale.

Senza contare che le ragazze molto spesso siano costrette ad adoperarsi con pezzi di stoffa o vecchi abiti come assorbenti, riducendo drasticamente il livello delle condizioni igieniche e  mettendo così a repentaglio la loro salute e rischiando malattie come il cancro alla cervice, secondo cancro più comune tra le donne dello Sri Lanka.

Inoltre, secondo uno studio dell’Unicef risalente al 2015, oltre la metà delle adolescenti non va a scuola – perché non vuole o perché non le è permesso dalla famiglia – durante i giorni del ciclo mestruale; mentre il 37% si assenta per uno o due giorni a causa del ciclo a causa di perdite, dolori e disagio.
Ma non è finita qui: secondo il 60% dei docenti il sangue mestruale sarebbe impuro. Da qui anche lo stigma vissuto dalle più giovani.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

D’estate il sudore è la cosa più temuta in estate. Il problema a volte si pone nel momento in cui utilizziamo un prodotto aggressivo per la pelle. A tal proposito la scelta più giusta ricade su deodoranti naturali perfetti per una sensazione di fresco e pulito. I migliori deodoranti naturali Pietra di allume (noto anche […]

2 min

È cominciato tutto tre anni fa quando il suo maestro Antonino Maccarrone le ha detto “Hai la faccia da pugile. Perché non provi?”. È la storia di Lucia Ayari, pronta a rappresentare l’Italia in occasione del Mondiale in programma in Polonia dal 13 al 24 aprile. Da zumba al pugilato Ha iniziato facendo zumba nella stessa […]

3 min

Il Bodyshaming ha colpito anche la pluricampionessa di sci alpino Lindsey Vonn. Mentre era in vacanza per il suo compleanno, aveva pubblicato sui suoi profili alcuni scatti in costume, ma sotto le foto si è scatenata un’ondata di commenti colmi d’odio e di disapprovazione: “Pensa di essere più attraente di quello che è”, oppure “Ho […]