08 Marzo 2012 |

Sgonfiare la pancia velocemente con le erbe

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Una delle cause dell’aumento di peso è la ritenzione idrica e la ritenzione di aria nella pancia; per contrastare queste due nemiche della linea e del benessere in modo naturale ci sono alcuni rimedi casalinghi a base di piante medicinali, che possono aiutare a sgonfiare la pancia e perdere qualche centimetro.

Una dieta basata su alcune piante medicinali come per esempio il limone, l’anice stellato, il finocchio e la betulla, è un rimedio fai da te che permette di aumentare l’eliminazione dei liquidi e ritenzione di aria in eccesso, causa di aerofagia e flatulenza oltre che di meteorismo e dolori addominali. Ecco qualche tisana a base di erbe che si possono fare in casa:

Tisana ai semi di finocchio per ridurre il gonfiore addominale

  • 1 cucchiaino di semi di finocchio fresco schiacciato
  • Versare una tazza di acqua bollente sopra ai semi di finocchio e lasciare riposare per 5 minuti con la tazza coperta
  • Bere 2 tazze di infuso al giorno aiuta ad eliminare l’aria insieme a una dieta povera di lieviti e sale.

Tisana di camomilla o semi di cumino per sgonfiare la pancia

Oltre alla camomilla che ha un potere decongestionante e rilassante dei muscoli addominali interni, anche il cumino è una pianta che favorisce l’eliminazione dell’aria.

  • 1 cucchiaino di semi di cumino freschi
  • Versarvi sopra una tazza di acqua bollente e lasciare riposare per 5 minuti, quindi scolare e coprire.
  • Assumere 3 volte al giorno come bevanda calda per accompagnare i pasti.

Rodiola per sgonfiare la pancia

La rodiola è una pianta dimagrante e che stimola il metabolismo, riducendo il senso di fame di matrice ansiosa. In commercio esistono capsule di rodiola secca da assumersi 2-3 volte al giorno per un mese.

Tisana all’anice stellato per eliminare l’aria in eccesso nell’intestino

Esistono in commercio molte forme di compresse e tisane all’anice stellato che si acquistare anche sotto forma di filtro per ricavarne un infuso sgonfiante.

In erboristeria è noto che le piante vanno opportunamente miscelate tra di loro per ottenere risultati migliori. In questo caso, le erbe officinali citate, vengono spesso miscelate ad una piccola quantità di carbone vegetale: in questo modo riducono le fermentazioni e migliorano la digestione mentre, il carbone vegetale fa da assorbente nei confronti dei gas già formati, contribuendo ad eliminarli con le feci.

L’uso di piante carminative associate al carbone vegetale è anche indicato in caso di ernia iatale, in quanto è molto utile per sgonfiare lo stomaco che, riducendo così il suo volume, più difficilmente tende a protrudere attraverso il diaframma.

Sgonfiarsi mangiando le piante giuste

A parte le erbe, anche le piante che noi usiamo come verdura o condimenti hanno poteri lassativi, depurativi e sgonfianti. L’indivia belga per esempio aiuta a combattere la ritenzione idrica. Lo stesso vale per la cipolla cruda e l’aglio che sono potenti antinfiammatori se consumati freschi.

  • Un’altra pianta con forte potere sgonfiante del tratto gastro-intestinale è il tarassaco o dente di leone: Le proprietà ad essa riconosciute sono lassative e depurative del fegato, per cui può essere di aiuto soprattutto nei casi in cui il problema sia legato a difficoltà digestive.
  • Potente pianta depurativa è la cicoria che è un vero e proprio medicinale officinale. La cicoria è depurativa, lassativa e aiuta ad eliminare le tossine in eccesso se mangiata lessa e con poco olio d’oliva crudo.
  • La menta piperita è una gustosissima pianta officinale che se usata come infuso ha proprietà analgesiche e carminative che la rendono utile in caso di presenza di gas intestinali. Si trova in commercio sotto forma di filtri per fare delle succulente tisane digestive e depurative. Assumerne 2 – 3 volte al giorno.

Potrebbe interessarti anche