13 Giugno 2018 |

Dieta del serpente: nel menù solo un pasto al giorno e 22 ore di digiuno

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Il menù è vario ma limitato a un unico pasto e poi si fa il digiuno

Di diete si sente parlare in continuazione, ma quella del serpente è sicuramente una delle più singolari che è diventata virale per qualche tempo su Instagram.

Si tratta di un particolare regime dimagrante che si ispira ai modelli alimentari degli animali selvatici a sangue freddo, da qui il nome Snake diet, con cui si è diffusa dapprima negli Stati Uniti per opera del sostenitore del digiuno Cole Robinson.

Fondamentalmente, i serpenti mangiano un unico pasto ricco di grassi e proteine al giorno, quindi non mangiano più per altre 22 ore. La dieta del serpente è pensata per farti digiunare il più a lungo possibile pur senza rinunciare a tutte le calorie e i macronutrienti di cui il tuo corpo ha bisogno.

Come funziona la dieta del serpente per perdere peso

Prima di trattare le caratteristiche della dieta del serpente va premesso che solo un esperto del settore, quindi un dietologo o un nutrizionista, può suggerire a ciascuno la soluzione migliore per perdere peso. Se volete dimagrire, quindi, rivolgetevi a esperti.

Venendo alla dieta del serpente, invece, si tratta di un regime dietetico in cui si sfrutta il potere disintossicante per l’organismo del digiuno completo, a cui viene alternato un pasto più abbondante, esattamente come fanno i serpenti: questi animali si nutrono con una preda succulenta e poi sono capaci di restare a digiuno per giorni.

Ebbene, la dieta del serpente si ispira un po’ a questo principio. Ovviamente questo regime non va portato alle estreme conseguenze dato che, se è vero che diversi studi scientifici hanno rilevato il potere benefico del digiuno fatto seguendo certe regole, è altrettanto vero che l’organismo deve essere messo comunque in condizione di ricevere le vitamine e i sali minerali necessari per il sostentamento.

Dieta del serpente e digiuno

Si parte proprio da una fase di digiuno. Nel dettaglio, dopo 48 ore di digiuno si consiglia di assumere un beverone, detto snake juice, a base di acqua, sale e cloruro di potassio. Una volta preparato l’organismo da un punto di vista elettrolitico, si prosegue con una dieta dimagrante a basso contenuto di carboidrati. Verranno invece consigliate verdure a volontà da accompagnare alla carne.

La dieta viene integrata con alcuni grassi benefici, come quelli presenti nell’olio extravergine di oliva e nella frutta secca.

A questa fase segue un’ulteriore periodo di digiuno, stavolta prolungato a 72 ore, cui segue un altro snake juice unito ad un secondo beverone con aceto di sidro di mele e limone.

Insomma, è una dieta veramente particolare, non molto apprezzata dagli esperti del settore. Perché se è vero che è un regime che permette di perdere peso velocemente, è altrettanto vero che può provocare disturbi vari come insonnia, affaticamento e sbalzi di pressione.

Da evitare assolutamente, quindi, il fai da te! Se volete dimagrire affidatevi a un dietologo o ad un nutrizionista esperto.

Leggi anche:
Tutti i segreti della Scandi Sense Diet, la dieta nordica
Come dimagrire con la dieta emozionale, cambiando le emozioni

Carmela Giglio

Potrebbe interessarti anche