23 maggio 2018 |

Come dimagrire con la dieta emozionale per perdere peso cambiando le emozioni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Avete mai sentito parlare della dieta emozionale? Ecco come perdere peso cambiando le emozioni che ci fanno stare male e che ci spingono a consolarci con il cibo spazzatura.

Avete mai sentito parlare della dieta emozionale? Non si tratta di una vera e propria dieta, ma di un cambiamento che coinvolge il nostro stile di vita e che ci permetterà di perdere peso in modo naturale e senza stress. Dunque ecco come dimagrire con la dieta emozionale per perdere peso cambiando le emozioni.

Partiamo dal presupposto che molto spesso dietro ad un problema di sovrappeso può esserci uno stato emotivo che non ci rende serene e bisogni emotivi che ci spingono a trascurarci e a trovare consolazione nel cibo. Se questo è il problema, la dieta emozionale non solo garantisce la perdita di peso ma ci consente anche di mantenere i risultati ottenuti.

Dieta motivazionale: come funziona?

Questa dieta si basa su un punto focale: tirare fuori le emozioni represse come rabbia, angoscia e insoddisfazione, che hanno ricadute sia sul nostro benessere generale che sulla linea, e affrontarle. Come anticipato, non si tratta di una dieta in senso stretto ma di un percorso che riguarda il lato emotivo, per cui la dieta emozionale prevede sia un piano alimentare sano e ipocalorico ma anche un percorso emotivo che consente di gestire rabbia, paura e ansia. Il tutto è avvalorato dal fatto che molte forme di bulimia e anoressia nervosa sono conseguenza di un forte stress che poi ci spinge anche ad abusare dei cosiddetti cibi spazzatura, mentre dovremmo dare priorità ai cibi in grado di ridurre ansia e stress.

Secondo diversi studi, quando il sovrappeso è collegato ad un fattore emotivo si tratta quasi sempre di insicurezza e rabbia, che possono spingerci per varie ragioni ad accumulare peso.

Lo scopo della dieta emozionale, quindi, è quello di lavorare contemporaneamente sulla linea e sui problemi che riguardano l’emotività. Bisogna quindi elaborare prima di tutto i sentimenti negativi che ci spingono a mangiare male e troppo, cercando rifugio nella propria interiorità ma provando ad affrontare ciò che non ci rende sereni. Bisogna inoltre puntare sulle frasi affermative, quelle che ci aiuteranno a eliminare rabbia e frustrazione e che ci spingeranno a prenderci cura del nostro corpo, cominciando dalle buone abitudini a tavola e dallo sport. Sarà più facile seguire una dieta emozionale tenendo un diario alimentare.

Dieta emozionale: i cibi da prediligere

Bisogna seguire una dieta ricca di alimenti che contribuiscono ad aumentare i nostri livelli di serotonina, il cosiddetto ormone della felicità, quindi frutta e verdura, noci, burro di arachidi, carboidrati semplici, carni bianche e pesce, formaggi freschi e yogurt, tenendo però conto anche delle quantità.

LEGGI ANCHE:

Le frasi motivazionali per dimagrire: ecco come trovare la carica giusta

Potrebbe interessarti anche