10 consigli utili per evitare infezioni al mare e in piscina

di Claudia Scorza

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Scopriamo 10 consigli utili per evitare infezioni al mare e in piscina per godersi l’estate al meglio lontano da preoccupazioni e disturbi fastidi. Come comportarsi in spiaggia e in piscina per limitare le infezioni? Quali comportamenti adottare per prevenire infezioni ed irritazioni estive? Scopriamo insieme i consigli da seguire.

Ecco un decalogo per evitare infezioni al mare e in spiaggia per essere tranquilli e sicuri durante le vacanze, soprattutto se siete in compagnia dei vostri bambini. È sempre molto importante prestare attenzione a funghi, virus e batteri che si possono nascondere nella sabbia e nei pressi di piscine e spogliatoi.

1. Fare la doccia prima di entrare nelle vasche

Una delle prime norme da seguire è quella di fare una doccia prima di entrare in piscina così da ridurre al minimo l’eventuale contagio di batteri nell’acqua della piscina. Nonostante l’acqua della piscina sia ricca di sostanze chimiche, come il cloro o il bromo, per uccidere i germi, non sempre si ha la certezza che non vi siano rischi di contagio.

2. Non bere l’acqua della vasca

Una delle accortezze più importanti è quella di non bere l’acqua della piscina. Se per gli adulti è un comportamento facile da osservare, per  più piccoli è molto più difficile e, per questo, è importante insegnarglielo. I germi, infatti, possono essere ingeriti ingoiando acqua della vasca o attraverso acqua nebulizzata di piscine, spa, laghi, mari e fiumi, con il rischio di infezioni gastrointestinali, cutanee, respiratorie e alle orecchie.

3. Utilizzare sempre asciugamani puliti

Per garantire maggiore sicurezza è importante utilizzare asciugamani puliti per prevenire infezioni ed irritazioni. State anche attenti ad evitare lo scambio di asciugamani e accappatoi tra persone e abbiate l’accortezza di lavare la biancheria spesso e ad alte temperature.

4. Cambiare il costume bagnato

Una buona pratica che spesso si adotta con i bambini è quella di cambiare spesso il costume bagnato per evitare infezioni, sostituendolo con uno asciutto. Se, per motivi di praticità, non potete cambiare il costume ogni volta che lo bagnate, assicuratevi di farlo asciugare bene al sole, evitando di tenerlo umido a contatto con la pelle e i genitali quando rimanete all’ombra. Infatti, l’umidità può provocare l’insorgere di infezioni alle vie urinarie e di Candida.

5. Tenere la pelle il più asciutta possibile

Un consiglio per prevenire lo sviluppo di micosi è tenere il più possibile asciutta la pelle poichè il ristagno di sudore e umidità crea condizioni favorevoli allo sviluppo di funghi della pelle.

6. Non tenere i bambini nudi in spiaggia

Tutti i bambini amano stare nudi quando fa caldo, soprattutto se sono in piscina o al mare. Attenzione però alle possibili infezioni alle vie urinarie e intime che acqua e sabbia possono causare, soprattutto alle bambine. Potete concedere loro un bagnetto senza costumino ma poi farli asciugare su un asciugamano pulito mettendo un costume asciutto per giocare nella sabbia.

7. Vestirsi per andare in luoghi pubblici

Per quanto i posti ci possano sembrare puliti e igienizzati, gli spazi pubblici come spogliatoi, bar e ristoranti sono sempre a rischio infezioni. Proprio per questo è importante coprirsi con un pareo o uno short prima di andare a prendere un gelato ai tavolini di un baretto sulla spiaggia o nel solarium.

8. Indossare sempre le ciabatte

Gli spazi comuni come docce, spogliatoi, bagni e bar, sono sempre un ricettacolo di germi e batteri. Per questo motivo preoccupatevi di indossare sempre ciabatte quando vi allontanate dalla spiaggia o dal bordo vasca. Questo comportamento aiuterà a prevenire le verruche, uno dei disturbi più diffusi tra chi frequenta le piscine, soprattutto ai piedi.

9. Sciacquare bene le orecchie dei bambini

Cercate di tenere sempre asciutte le orecchie, soprattutto nei bambini. Troppa umidità all’interno dell’orecchio, un’abbondante sudorazione, il clima umido e la presenza di funghi e batteri nelle aree balneari come mare e piscine, rischiano di far sviluppare l’otite del nuotatore anche nei più piccoli. Evitate di grattarvi le orecchie perché si potrebbero creare delle microabrasioni interne attraverso le quali possono entrare funghi e batteri e cercate di fare delle interruzioni tra una nuotata e l’altra così da evitare il ristagno di umidità nel condotto uditivo e favorirne l’asciugatura.

10. Attenzione alle lenti a contatto

Chi porta lenti a contatto deve avere maggior riguardo per i suoi occhi. Innanzitutto deve indossare occhiali da sole con filtri idonei capaci di proteggere gli occhi dai raggi ultravioletti. Inoltre l’acqua salata del mare e quella con cloro della piscina, possono andare ad infastidire l’occhio provocando irritazioni, arrossamenti ed infezioni, fino ad arrivare anche al manifestarsi della congiuntivite. Per evitare tutto questo non indossate le lenti a contatto per troppe ore, umettatele frequentemente e indossate gli occhialini quando fate il bagno.