07 Ottobre 2011 |

Dormi e non riposi davvero? Attenta alle posizioni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Sentiamo ripetere da sempre che, per poter affrontare al meglio la giornata, bisogna dormire almeno 8 ore ogni notte. I ricercatori di tutto il mondo, ultimamente, si divertono a sfatare i luoghi comuni sulla salute e le nostre convinzioni, radicate da tempo. Anche questa volta dobbiamo fare i conti con un dato significativo: non conta la quantità di ore di sonno ma la qualità. Per poter avere un sonno davvero riposante è fondamentale adottare una posizione corretta.

Per i ricercatori del Covenant Health System non c’è alcun dubbio: la posizione corretta per dormire e riposare davvero è quella supina, ovvero a “pancia in su“. Questa posizione favorisce la corretta postura della colonna vertebrale, evita il reflusso gastro-esofageo, contrasta l’insorgere di torcicollo e contratture e, a quanto pare, è ottima anche per contrastare le rughe! Unico neo: chi russa, in questa posizione continuerà a farlo.

Un altro buon modo per dormire è farlo su un fianco, consigliato anche alle donne in gravidanza. Questa posizione condivide degli aspetti positivi del dormire supini, ed è sconsigliata solo a chi ha problemi nella zona lombare. Anche il russare, dormendo su un fianco, diminuisce.

Assolutamente sconsigliato, per i ricercatori del Covenant Health System, è dormire a pancia in giù. Questa posizione favorisce l’insorgere di disturbi gastrici, impedisce la corretta respirazione e la colonna vertebrale resta contratta, favorendo così la comparsa di infiammazioni e contratture di collo e schiena, oltre a formicolii agli arti.

Potrebbe interessarti anche