Ritenzione idrica: cause e rimedi

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

E’ un disturbo abbastanza diffuso che colpisce con intensità diversa milioni di persone nel mondo, e in particolare le donne, pare, infatti, che sia almeno il 30% della popolazione femminile a patirne le conseguenze.


Per ritenzione idrica si intende la tendenza a trattenere liquidi nell’organismo, che nell’immediato crea problemi di tipo estetico, ma a lungo andare può provocare seri problemi ai reni. Il ristagno di questi fluidi che l’organismo non riesce ad espellere si caratterizza per la tumefazione dei tessuti molli, a causa di un eccessivo accumulo di liquido extracellulare che nell’immediato si riscontra nell’edema, un rigonfiamento che si presenta in particolari zone del corpo.

Il problema è ben più grave di quel che è possibile osservare ad occhio nudo, poiché la ritenzione idrica va a scompensare il sistema circolatorio e linfatico, provocando malfunzionamenti all’organismo a causa del ristagno di tossine che vanno, a loro volta, ad alterare il metabolismo cellulare.

A causa della sua natura quasi asintomatica, ad eccezione degli inestetismi visibili ad occhio nudo, la ritenzione idrica è un problema che viene molto spesso sottovalutato, ma è un dato che viene sicuramente tenuto d’occhio da dietologi e nutrizionisti per motivi legati al sovrappeso, anche se non ne rappresenta una causa, ma sicuramente la ritenzione idrica non favorisce coloro che hanno problemi di peso di una certa importanza.

Cause
Chiaramente la possibilità di poter trovare una cura alla ritenzione idrica dipende dalla possibilità di poterne rintracciare la causa, cosa che molto spesso, in assenza di patologie reali, può anche dipendere dallo stile di vita e da alcune abitudini poco salutari, oltre comunque ad una certa predisposizione del soggetto a trattenere i liquidi in eccesso. Ovviamente chi ne soffre dovrebbe evitare il fumo, l’eccessivo consumo di alcolici, abuso di farmaci, caffè e cibi particolarmente salati, e dovrebbe invece tenere sotto controllo l’alimentazione, specialmente in caso di sovrappeso, e praticare regolarmente attività fisica.

In assenza di problemi circolatori e di altri fattori scatenanti, potrebbero essere altri i fattori che, se accompagnati ad un naturale predisposizione dell’individuo a trattenere i liquidi, potrebbero aggravare ulteriormente il problema. Vediamo quali sono:

  • La pillola contraccettiva, e alcuni farmaci tra cui i comuni antinfiammatori, sono sempre stati additati come i maggiori responsabili della ritenzione idrica, cosa che in parte potrebbe essere vera, ma il loro ruolo in merito è stato decisamente sopravvalutato, tanto che non è possibile attribuirne loro la causa. Basti pensare che in particolare la pillola anticoncezionale può causare una ritenzione idrica tale che il peso potrebbe variare tra 0 e 1 Kg, un valore praticamente insignificante se pensate che chi assume generalmente quantità salutistiche di sodio può subire una variazione di peso pari a 1-2 Kg.
  • Anche il sodio, comunque, influenza notevolmente il livello di ritenzione di liquidi, sodio che assumiamo dai cibi, quindi in merito bere acqua che ne è povera può non rivelarsi una giusta strategia. E non è del tutto vero che bere acqua aiuti ad eliminare il sodio presente nell’organismo, perché al contrario, in un soggetto che soffre di tale patologia, bere molta acqua iperidrata l’organismo e contribuisce ad aumentare la ritenzione idrica. Non pensiate, quindi, di combatterla bevendo acqua povera di sodio come Vitasnella, ma cominciate ad  assumere meno sale e alimenti ricchi di sodio.

Come combatterla

  • Assodato che, nella maggior parte dei casi, la ritenzione di liquidi dipende da alcune abitudini di vita poco salutari, basta correggere il proprio stile di vita, quindi seguire una dieta più salutare limitando il consumo di cibi ricchi di sodio, e comunque sottoponendosi ad una dieta disintossicante ricca di liquidi dopo una grande abbuffata.
  • Limitare il consumo di alcolici
  • Evitare il fumo
  • Consumare con moderazione anche le bevande che contengono caffeina o particolarmente ricche di zucchero, quindi coca cola, aranciata, birra, succhi di frutta.
  • Nel caso in cui ci siano grossi problemi di ritenzione idrica in concomitanza al sovrappeso, rivolgersi a un nutrizionista che cercherà non soltanto di farvi perdere peso ma di regolamentare l’afflusso dei liquidi in eccesso.

Potrebbe interessarti anche