Tumore al seno, si può curare in 12 ore

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Una cura miracolosa? No, ma alla guarigione contribuiscono una serie di fattori tra cui non bisogna assolutamente trascurare dimensioni e caratteristiche del tumore. Basta mezza giornata e un tumore al seno diagnosticato precocemente diventa solo un ricordo.

Le pazienti vengono operate, sottoposte a radioterapia intraoperatoria dopo l’intervento, trattenute in ospedale poche ore e rispedite a casa in giornata. Una chirurgia giornaliera che fa grandi promesse ma che non va bene per tutti i soggetti affetti dalla stessa patologia. Le candidate ideali sono donne con tumori di piccole dimensioni, dai 4 o 5 millimetri ad un centimetro e mezzo.

“Anticipare la diagnosi, per curare il tumore con la massima efficacia e con il minor impatto sul corpo e sulla mente, è il nostro motto“, spiega Veronesi, che all’aspetto strettamente medico aggiunge anche l’effetto psicologico del paziente, che affronta la cura con serenità e fiducia. “Spesso la cosa più difficile è togliere il cancro dalla mente dei nostri pazienti“, aggiunge Alberto Luini, Direttore della Senologia, che ricorda questa massima di Veronesi.

Le stime sono abbastanza chiare e poco confortanti. Oggi il tumore al seno colpisce circa 37mila donne e ne uccide almeno 10mila, ma in compenso oggi un tumore su tre viene diagnosticato prima che sia effettivamente palpabile, ed è su questo tipo di tumori che è possibile intervenire con il day surgery senologico.

 

Potrebbe interessarti anche