17 Settembre 2014 |

False mestruazioni, cosa sono e come si riconoscono

di Danila

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

False mestruazioni, cosa sono, come si riconoscono e soprattutto quando allarmarsi e rivolgersi al medico. Tutte le informazioni del caso le trovate in questo articolo.

Sarà capitato a chiunque di avere qualche irregolarità con il ciclo, e le false mestruazioni rientrano tra quei fenomeni che di solito tendono a creare un po’ di confusione. Nella maggior parte dei casi si tratta di perdite di sangue che possono sembrare mestruazioni, ma in realtà sono dovuta a una vasta gamma di fattori, come l’assunzione della pillola del giorno dopo o una gravidanza. Vediamo come riconoscerle e quando invece è il caso di allarmarsi.

False mestruazioni: come si presentano

In breve ci troviamo dinnanzi a perdite ematiche molto simili alle normali mestruazioni, nel senso che possono essere più o meno abbondanti, ma che durano meno del dovuto e hanno una consistenza e un colore differente. Il sangue ha un colore più tenue, niente a che vedere con il rosso intenso delle classiche perdite mestruali, e la consistenza è decisamente più liquida. Alle perdite possono accompagnarsi anche alcuni dei più comuni sintomi mestruali, quindi mal di testa, spotting e dolore al seno.

Perdite di sangue durante la gravidanza

Questa è senza dubbio una di quelle cose che ci manda immediatamente nel pallone, dato che di solito anche un aborto può presentarsi con anomale perdite di sangue, il più delle volte però si tratta semplicemente di false mestruazioni dovute a quei residui di sangue ancora presenti nell’utero o perdite da impianto. Ma in tal caso fare un controllo sarebbe comunque opportuno poiché false mestruazioni, durante la gestazione, possono presagire l’eventuale presenza di polipi nel canale cervicale o la rottura di vasi sanguigni all’interno dell’utero.