27 febbraio 2014 |

Pressione bassa, cause e sintomi

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

La pressione arteriosa bassa è un disturbo diffusissimo, specie tra le donne giovani. Si tratta di un malessere molto comune, cui sintomi possono essere confusi con quelli derivanti da problematiche più serie.

Pressione normale: valori

In una condizione ottimale la nostra pressione arteriosa dovrebbe essere di 80/120 mm hg, dove 80 è il valore minimo e 120 il massimo. La pressione bassa può rendere un po’ disagevole la quotidianità, ma il linea di massima non è pericolosa.

Una pressione alta, invece, che supera cioè uno di questi due valori, può essere assai più pericolosa di quella bassa la quale può causare, al massimo degli svenimenti. L’ipertensione arteriosa (alta) va tenuta sotto strettissimo controllo medico e curata eventualmente con dieta contro l’ipertensione o farmaci adatti, in quanto può causare, nella peggiore delle ipotesi,  Ictus, Emorragie Cerebrali, Ischemie. Tra l’altro, i sintomi di quella alta possono talvolta essere simili a quelli della bassa.

Cause di pressione bassa

La pressione arteriosa nel nostro organismo tende ad abbassarsi o essere costantemente più bassa della norma per le seguenti cause:

  • Aumento della la temperatura esterna
  • Presenza di problematiche di salute lievi quali l’anemia, la disidratazione, carenze vitaminiche, ipoglicemia, microcitemia o più gravi come infezioni virali, epatite, diabete, disturbi cardiaci come bradicardia, aritmie
  • Uso di alcuni farmaci come i diuretici
  • Disfunzioni Tiroidee

Non sempre c’è da preoccuparsi quando la pressione è bassa, ma se i sintomi sono molto forti, perduranti o addirittura invalidanti, è bene consultare un medico per indagare su quali siano le cause.

Vediamo invece qual è la sintomatologia.

Sintoni della pressione bassa

  • Senso di debolezza muscolare
  • Stanchezza e/o Sonnolenza
  • Confusione Mentale
  • Astenia
  • Annebbiamento della vista
  • Mal di testa lieve e non localizzato
  • Affaticamento durante gli sforzi
  • Ipersudorazione
  • Capogiri
  • Svenimenti

Come curare la pressione bassa

E’ piuttosto semplice combattere la pressione bassa, tenerla a bada, o anche portarla a valori normali, così da avere un sollievo immediato.

Vediamo quali possono essere gli stili di vita da adottare e le precauzioni per avere una pressione sanguigna nella norma.

  1. Assicurare una adeguata idratazione dell’organismo (1.5/2 litri d’acqua al giorno)
  2. Se non si soffre di iperglicemia o diabete, scegliere bevande lievemente zuccherate o ancor meglio, zuccherate e mineralizzate, dato che la pressione si abbassa anche davanti ad una carenza di sali minerali nel sangue, o perdite di liquido con sudorazioni, diarree e vomito. Davanti a queste condizioni infatti, l’idratazione dovrà essere particolarmente abbondante.
  3. Mangiare molti vegetali, frutta e verdura fresche, ricche di sali minerali e non eliminare mai i carboidrati dalla dieta i quali apportano nell’organismo zuccheri che vengono rilasciati nel sangue in maniera lenta, così da assicurare minori sbalzi nella pressione arteriosa.
  4. Evitare di fumare e di assumere alcolici. Il fumo, come risaputo, sclerotizza, cioè “indurisce” le arterie, impedendogli di pompare adeguatamente il sangue nei vasi. Anche l’alcol è dannosissimo perchè dilata i vasi sanguigni, e, su un soggetto già sofferente di pressione bassa, potrebbe creare più facilmente degli svenimenti.
  5. Praticare dello sport, leggero, in maniera continuativa, per tutto l’anno. L’esercizio fisico, apporta benefici a tutto il sistema cardio-vascolare rinforzandolo, ed permettendo di evitare quindi, gli “sbalzi” che provocano i malesseri più fastidiosi.
  6. Evitare calure eccessive, colpi di calore, e sforzi quando fa caldo. Si sa infatti, che chi ha questo disturbo, lo avverte in una maniera particolarmente accentuata in estate, o in spiaggia. E’ consigliabile quindi, fare attenzione a non sforzarsi sotto il sole, alzarsi o muoversi velocemente, ma scegliere momenti di riposo, in zone ombreggiate, bevendo molto. Se il malessere diviene molto intenso, si arriva quindi a forti capogiri o addirittura svenimenti, dello zucchero puro, assunto per via sub-linguale, alzerà immediatamente la pressione. Stessa cosa è in grado di fare la tanto famigerata liquirizia.
  7. Sdraiarsi e alzare le gambe per favorire l’apporto di sangue a tutta la parte superiore del corpo, soprattutto la testa, dove proprio il poco afflusso causa la maggior parte dei sintomi specificati.
  8. Fornirsi di alcuni farmaci specifici, i quali alzano la pressione immediatamente nel caso se ne presenti l’occasione.

Potrebbe interessarti anche