07 gennaio 2014 |

Problemi di sonno, sono più comuni tra le donne di mezza età

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

I disturbi del sonno sono frequenti e riguardano persone di qualsiasi età, ma sembrano essere più comuni tra le donne. Quasi un quarto delle donne di mezza età dichiara che la qualità del proprio sonno è scarsa. E’ quanto emerge da un nuovo studio effettuato dal dottor Polo e colleghi presso l’Università di Turku in Finlandia. Il dottor Polo e i suoi colleghi hanno esaminato 850 donne di età media 42 anni. Un terzo di loro con una malattia cronica, come il diabete o malattie cardiache, e un terzo con assunzione regolare di farmaci.

Le donne analizzate hanno dichiarato di svegliarsi frequentemente durante la notte: il 60% di loro almeno una volta alla settimana. Il 16% delle donne ha riferito di aver difficoltà ad addormentarsi e il 20 % ha lamentato di svegliarsi troppo presto al mattino. La sonnolenza mattutina è stata riportata dal 42% di loro e la sonnolenza diurna dal 32%.

I problemi del sonno, come nel caso delle donne coinvolte nello studio, sono spesso legati alla qualità della vita, alle malattie croniche e all’uso di farmaci. Anche i cambiamenti ormonali legati al ciclo mestruale o la menopausa possono essere responsabili. I livelli di peso delle donne coinvolte rientravano nella norma e la variabile peso non influiva sui problemi di sonno delle donne coinvolte. Ma esiste, e lo documentano numerosi studi, una associazione bidirezionale tale per cui l’obesità è causa di sonno breve e di scarsa qualità, e la carenza di sonno può indurre un aumento di peso e alla conseguente obesità.

Tutti i problemi di sonno possono influenzare le prestazioni di lavoro e la qualità della vita. “Il sonno è così cruciale, dal momento che dormiamo un terzo della nostra vita, e influisce così tanto sulla nostra salute ” ha detto il dottor Polo. “E’ utile tenere un diario del sonno e annotare eventuali sintomi come il russare, l’irrequietezza, il mal di testa la mattina… e, se c’è qualche preoccupazione, consultare il medico di famiglia”

Fonte: Antiaging Club

www.antiagingclub.it

Potrebbe interessarti anche