Insoddisfazione corporea: quando il corpo diventa un nemico

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
La bellezza come perfezione

Mai come in questa epoca il corpo ha assunto un ruolo così centrale nella vita della donna, spesso condizionando fortemente sia l’idea di sé e la sicurezza personale sia la propria condizione affettiva e relazionale.


Le riviste patinate ci propongono modelle con corpi considerati “perfetti”, laddove il concetto di bellezza e perfezione è spesso associato a quello di magrezza piuttosto che di salute, senza segni del tempo che passa, della cellulite o delle imperfezioni umane.

Se poi pensiamo ai banconi delle farmacie, la questione ruota sempre attorno al corpo: prodotti miracolosi per perdere peso, ridurre la cellulite, contrastare l’invecchiamento… risultato? Siamo bombardate da messaggi costanti e continui che ci vogliono con corpi “belli”, “magri”, “perfetti”, “tonici” ed eternamente “giovani”.

A questo si aggiunge un altro aspetto: la nostra cultura ci fa credere che il corpo possa essere modificato e plasmato a proprio piacimento. In questa linea, sono nate negli anni trasmissioni televisive, come “Il brutto anatroccolo” o “Bisturi”, si è diffuso il culto dei tatuaggi e dei piercing, si è registrato un incremento vertiginoso delle richieste di interventi di chirurgia estetica…

D’altronde come dice l’antropologa Carla Pasquinelli, “il corpo è la nostra parte più conformista, quella in cui si imprime in maniera indelebile il marchio della cultura e della classe di appartenenza” (tratto da “Anti-corpi”, di Luisa Stagi). Laura Corradi, nel suo libro “Specchio delle sue brame” (2012), traccia un’analisi socio-politica della pubblicità e del suo potente ruolo nella costruzione delle ideologie sociali.

Nella nostra società, in cui trionfa il “culto del bello e dell’apparire” piuttosto che dell’essere, il rischio è di associare la propria identità e quindi anche la soddisfazione personale alla bellezza del corpo, piuttosto che alla persona e all’essere.

Ciò spiega la grande e preoccupante diffusione dell’insoddisfazione corporea, di cui è affetta una cospicua parte della popolazione femminile fin dalla tenera età. Secondo i dati diffusi dalla Società Italiana per lo studio dei disturbi del comportamento alimentare (Sisdca), in Italia il 10% delle giovani fra i 12 e i 25 anni avrebbe un attivo rapporto col cibo e col corpo, e nel 6% dei casi questo determinerebbe l’insorgenza di disturbi del comportamento alimentare. In particolare, lo 0,5% della popolazione soffrirebbe di anoressia e circa il 2% di bulimia.

Come scrive Luisa Stagi nel suo libro “Anti-corpi” (2009), “il presente richiede di sintonizzarsi di continuo e velocemente (quick-change) su nuovi punti di riferimento imposti dall’esterno”. Il problema risiede proprio nel fatto che la società ci dice come dobbiamo apparire e ci propone modelli esterni a cui aderire, senza possibilità di essere quello che siamo.

Ritengo che ad oggi manchi proprio la consapevolezza e la libertà di essere e la capacità di ascoltarsi e seguire i propri bisogni e questo non può che generare insoddisfazione e mal di vivere.

Potrebbe interessarti anche