23 Agosto 2019 |

Cos’è e come funziona la dieta del sorriso per dimagrire in allegria con l’effetto dopamina

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Mangia per la prima colazione proteine magre come come uova, salmone affumicato, sgombro o yogurt ad alto contenuto proteico con aggiunta di noci, semi o frutta. 

Ad inventarla è stato uno chef inglese: per perdere peso senza stress

La dieta della dopamina è un’idea di Tom Kerridge, uno chef inglese che con questo metodo ha perso 76 chili.

Stimolare la produzione di dopamina provoca un senso di benessere che aiuta a proseguire facilmente la dieta: è questo il vero segreto di questo regime alimentare particolarmente efficace, motivo per cui è chiamata anche dieta del sorriso.

Molto semplice da seguire poiché non richiede di misurare le quantità degli alimenti. È sufficiente evitare cibi zuccherati o raffinati senza però rinunciare a mangiare. Secondo Kerridge, il fallimento delle diete è imputabile alla difficoltà di pesare i cibi ed alla loro scarsa varietà.

Cos’è la dopamina

Questa dieta è incentrata sull’aumento dei livelli di dopamina o ormone della felicità.  La dopamina è un neurotrasmettitore, una sostanza chimica responsabile della trasmissione dei segnali tra le cellule nervose nel cervello. Influenza direttamente i centri di ricompensa e di piacere nel cervello, che a loro volta influiscono sull’umore. La sua attivazione si verifica per una serie di motivi, tra cui l’improvvisa disponibilità di cibo.

Sappiamo che in particolare l’assunzione di cibi ricchi di grassi e zuccheri aumentano la dopamina assieme a un aumento della fame. La domanda perciò è:  come puoi aumentare la dopamina senza assumere grassi e zuccheri?

Proteine per aumentare i livelli di dopamina

Gli alimenti proteici sono costituiti da aminoacidi (compresa la tirosina), che sono essenziali per la produzione di dopamina. Quindi  aumentare l’assunzione di proteine ​​può anche aumentare la produzione di dopamina senza far aumentare la fame. Un recente studio ha esaminato questa teoria e ha concluso che consumare una prima colazione ricca di proteine ​​che includa uova, carni magre e latticini è stata la soluzione migliore per ridurre l’appetito a metà mattina aumentando i livelli di dopamina.

I cibi che stimolano la produzione di dopamina

  • Latticini come latte, formaggio e yogurt;
  • Carni non trasformate come manzo, pollo e tacchino;
  • Pesce ricco di Omega-3 come salmone e sgombro;
  • Uova;
  • Frutta e verdura, in particolare banane;
  • Noci come mandorle e noci;
  • Cioccolato fondente;

Dieta della dopamina: il menu

Il menu della dieta della dopamina è assai vasto e prevede l’utilizzo di un enorme lista di alimenti. Sono ammesse le carni non lavorate (salumi, prodotti industriali ecc.) ottenute da allevamento all’aperto come manzo, pollo e tacchino e sono preferibili i pesci ricchi di omega3 come salmone, sardine e sgombro e tutti i frutti di mare.

Tra i prodotti caseari sono presenti formaggi, yogurt e fiocchi di latte, mentre la panna è utilizzabile in quantità limitata poiché particolarmente grassa.

Tutta la verdura fresca e di stagione è consentita, così come le uova, preferibilmente da galline allevate in regime biologico.

Per la frutta fresca è necessario scegliere tutte le tipologie ricche di quercetina. Tale sostanza, infatti, è un antiossidante che aiuta a trattenere la dopamina. E’ quindi possibile fare spuntini con mele, banane, uva e bacche.

La frutta secca è presente in quanto ricca di grassi buoni che offrono energia al cervello.

And Last but not list, taddaaaa: il cioccolato fondente, che stimolando la produzione di endorfina (altro ormone della felicità), è un vero toccasana per il buon umore  e per lo stesso motivo viene citato anche il peperoncino.

Dieta della dopamina: il  libro

Il libro sulla dieta della dopamina è una vera e propria guida contenente storia, ricette e consigli motivazionali. Lo chef stellato spiega come è nata la dieta e i motivi della sua scelta di non seguire le diete dimagranti rapide.

La sua dieta è stata collaudata e migliorata in un periodo di tre anni, traendone evidente giovamento. Tra le pagine del libro è presente anche un calendario con i cibi da mangiare durante il giorno.

Dieta della dopamina: le ricette

Le ricette della dieta della dopamina sono pressoché infinite poiché è possibile combinare più cibi tra loro. Si va dalla semplice insalata alla bistecca di carne aromatizzata al peperoncino, dal pesce fresco al cartoccio al formaggio fuso nel sugo, passando per una macedonia di frutta con gocce di cacao. Tuttavia è possibile trovare le ricette di ottime preparazioni all’interno del libro di Kerridge.

Le buone regole della dieta della dopamina

– Mangia 5 pasti regolari al giorno.

– Mangia per la prima colazione proteine magre come come uova, salmone affumicato, sgombro o yogurt ad alto contenuto proteico con aggiunta di noci, semi o frutta.

– Includi cibi a base di proteine ​​magre a pranzo e cena scegliendo pollo, lenticchie, legumi, pesce o manzo magro.

– Fai yoga, come sappiamo, può anche aumentare i livelli di dopamina.

 

LEGGI ANCHE: