26 luglio 2018 |

Litoterapia, come curarsi con pietre e minerali

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Avete mai sentito parlare di litoterapia? Si tratta di una branca della medicina non convenzionale che associa le patologie alle carenze di minerali. Dunque ecco tutto quello che c’è da sapere sulla litoterapia e su come curarsi con pietre e minerali.

Avete mai sentito parlare di litoterapia? Rappresenta una branca della medicina alternativa e nasce in Francia intorno agli anni Settanta. Si tratta di un modo di curarsi non convenzionale che si basa sulle proprietà curative di minerali e rocce opportunamente sciolti e diluiti secondo i principi della medicina omeopatica. Dunque ecco tutto quello che c’è da sapere sulla litoterapia, come curarsi con pietre e minerali, ma soprattutto cerchiamo di capire se si tratta di un metodo efficace.

Cos’è la litoterapia?

La litoterapia è una branca della medicina non convenzionale che pone al centro non la malattia ma il malato: si spiega così come mai due persone con la stessa malattia e con i medesimi disturbi possano essere trattate in modo differente. Lo scopo della litoterapia è quello di liberare l’organismo dai metalli che rimangono imprigionati nelle cellule. In breve, pur mangiando bene, in modo sano e seguendo una dieta ricca di minerali è possibile che questi non vengano metabolizzati correttamente e che di conseguenza l’organismo ne avverta la carenza. Questi minerali secondo la medicina alternativa sono direttamente coinvolti nella prevenzione e nella cura dei comuni disturbi che di solito trattiamo assumendo farmaci.

I rimedi litoterapici sono presenti in commercio sia sotto forma di fiale che in granuli e vengono assunti per via sublinguale e rigorosamente a digiuno dopo aver trattenuto in bocca il “farmaco” un minuto circa. Per quanto riguarda la posologia, il consiglio è quello di rivolgersi a uno specialista.

Malattie che si curano con la litoterapia

Con questa tipologia di medicina alternativa si possono trattare tantissimi disturbi diversi perché ogni carenza di minerali viene direttamente collegata a qualche patologia. L’artrosi, per esempio, in genere si tratta con il silicato di alluminio, l’osteoporosi con il calcio, mentre l’ipertensione con il carbonato di rame; il carbone per gli eczemi, l’ossido ferrico per l’anemia e quello di manganese per ansia e depressione.

Chiariamo comunque che si tratta di medicina alternativa, quindi in ogni caso il consiglio è sempre quello di rivolgersi al medico in caso di malesseri e disturbi di qualsiasi natura.

LEGGI ANCHE:

Omeopatia per dimagrire: i rimedi naturali per perdere peso
Omeopatia in gravidanza, i rimedi da evitare

Potrebbe interessarti anche