10 aprile 2018 |

Griffonia: proprietà, benefici e controindicazioni di questo alleato del buonumore

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Scopriamo proprietà, benefici e controindicazioni della Griffonia , un antidepressivo naturale: ecco perchè pare funzioni davvero.

La griffonia (Griffonia simplicifolia) è una pianta della famiglia delle Leguminosae. Già dagli anni ’80 si iniziò a studiare la sua utilità contro depressione, ansia e insonnia in quanto pianta capace di incrementare i livelli di serotonina nell’organismo. Scopriamo meglio proprietà, benefici e controindicazioni della griffonia, un alleato del buonumore.

La Griffonia simplicifolia è un arbusto legnoso che può raggiungere i 3 metri di altezza. E’ originario delle regioni tropicali e umide dell’Africa centro-occidentale ovvero Ghana, Costa d’Avorio e Togo. Ha fiori verdognoli a grappolo e semi a forma discoidale di colore quasi nero, simili a fagioli racchiusi in baccelli, per questo chiamati proprio “fagioli africani”.

Già nella più antica tradizione erboristica africana la griffonia veniva utilizzata per vari trattamenti medicamentosi: la radice come stecca da masticare, le foglie per guarire le ferite, il succo per trattare disturbi renali, il decotto delle foglie contro il vomito e come afrodisiaco.

Studiosi americani scoprirono molto più tardi che il seme della pianta conteneva un aminoacido molto importante per il buonumore e il benessere dell’organismo umano; da lì si avviarono numerosi studi che videro questa pianta diventare poi un vero farmaco fitoterapico.

Le proprietà benefiche della griffonia

I semi della griffonia contengono 5 idrossi-triptofano (5-HTP), una molecola che si avvicina molto a quella della serotonina, l’ormone del benessere, come viene chiamato.

La serotonina è un ormone che regola diverse funzioni fisiologiche del nostro organismo, come il tono dell’umore, del sonno e dell’appetito. Questo ormone è un neurotrasmettitore che il nostro organismo non produce da solo, bensì sintetizza proprio partendo dal triptofano, un aminoacido definito “essenziale” e che si può assumere solo attraverso l’alimentazione. Ed è proprio il contenuto di triptofano 5-HTP che rende l‘assunzione di griffonia una alleata naturale dell’incremento dei livelli di serotonina nell’organismo.

Benefici della griffonia

La griffonia è oggi utilizzata con buoni risultati sia come antidepressivo naturale nei casi di depressione lieve o moderata, sia nei casi di:

  • stati d’ansi
  • depressione lieve
  • depressioni stagionali
  • insonnia, in quanto innalza i livelli di serotonina e regolarizza il ciclo sonno-veglia (ritmo circadiano)
  • controllo della fame nervosa, anch’essa collegata a disturbi di ansia e depressione. La fame nervosa è caratterizzata da un desiderio compulsivo di cibo, in particolare carboidrati e zuccheri semplici, come quelli contenuti nei dolci.

Come assumere, sotto consiglio del medico, l’estratto di griffonia? Generalmente vengono prescritti da 300 fino a un massimo di 600 mg di estratto secco, in compresse o capsule, lontano dai pasti, distribuito in 2 assunzioni giornaliere.

Controindicazioni della griffonia

Oggi la griffonia è considerato un farmaco fitoterapico. Ma attenzione, oltre che essere un grande alleato del nostro buonumore, essa ha anche controindicazioni!

Gli effetti indesiderati dell’assunzione della griffonia possono essere a carico delle pareti di stomaco e intestino e riguardare fenomeni come nausea, meteorismo e bruciore gastrico. E’ quindi molto importante, prima di assumere l’estratto di griffonia, consultare uno specialista e valutare l’opportunità di assumere questo antidepressivo naturale che, oltre ad avere tanti benefici, è pur sempre una pianta medica con altrettante controindicazioni.

Potrebbe interessarti anche