02 aprile 2018 |

6 buoni motivi per tenere un diario personale

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Ci sono almeno 6 buoni motivi per tenere un diario personale e non solo da ragazzine! Ecco perchè questa sana abitudine dovrebbe durare tutta la vita.

Tutte le ragazzine (e non solo) ce l’hanno, spesso segretissimo e chiuso con tanto di lucchetto: stiamo ovviamente parlando del diario personale. Nel tempo, poi, l’abitudine di raccontare la propria giornata in un diario si perde; esistono invece molti buoni motivi per tenere un diario personale!

Non si tratta solo di scriverlo, ma soprattutto di rileggerlo. La rilettura di ciò che un tempo abbiamo scritto di getto, le emozioni, i desideri e le paure del momento è un’occasione per imparare a conoscersi meglio e per trarre anche qualche importante lezione di vita. Vediamo allora 6 buoni motivi per tenere un diario personale!

Riorganizzare le idee

Spesso accade che le nostre idee siano confuse: non sappiamo bene cosa scegliere, cosa fare, che strada prendere oppure non riusciamo a comprendere i comportamenti di altre persone. Quando ci troviamo in simili momenti di confusione, anziché agire d’impulso, sarebbe molto più saggio riflettere e prendere delle pause. Mettere per iscritto tutto quello che ci passa per la testa in quei momenti può essere veramente d’aiuto perchè il nostro cervello, nel tentativo di organizzare le idee da scrivere nel diario, porterà un po’ di chiarezza e di riorganizzazione mentale.

Fare chiarezza sugli obiettivi personali

Spesso accade che al diario, anche involontariamente, si riveli quel “quanto vorrei che…”. Sono proprio quegli incipit delle pagine del nostro diario che meglio descrivono i nostri più intimi desideri, scritti proprio con il cuore. Autorevoli psichiatri e psicanalisti, infatti, consigliano la tecnica della scrittura di tutti i nostri “voglio e vorrei” su un diario, esattamente così come ci vengono in mente. Anzi, più dettagliatamente possibile, incoraggiano gli esperti. “Voglio un’auto nuova”, “Voglio fare un viaggio. E lo voglio fare in Patagonia”… questo ci farà capire quanti dei desideri abbiamo e ci aiuterà a trovare le strategie per realizzarli o, viceversa, lasciar perdere.

Evidenziare i dubbi e le domande

I dubbi, i perchè, le domande che ogni giorno ci poniamo sono spesso l’ostacolo che blocca il flusso delle idee positive nella nostra testa, impedendoci di ragionare lucidamente. Mettiamoli allora tutti “da qualche parte”, su un diario ad esempio. Prima o poi, magari dopo tanto tempo, rileggeremo quelle domande e nel frattempo avremo magari scoperto la risposta, realizzando che in fondo angosciarsi per tanti dubbi, spesso, è una cosa davvero inutile.

Imparare dagli errori commessi

La rilettura del diario personale è spesso un’incredibile opportunità per apprendere “come eravamo”, se siamo cresciuti, se siamo ancora impantanati o se il peggio e alle nostre spalle. In definitiva, tenere un diario personale può aiutarci a diventare persone più sagge e più forti.

Imprimere i ricordi come fossero foto

I ricordi importanti, si sa, ce li portiamo dentro sempre. Belli e brutti che siano, quante volte ci è capitato di pensare: “me lo ricordo come fosse ieri”. In realtà il ricordo che custodiamo di un avvenimento è molto legato ai nostri sentimenti di adesso. Ecco perchè, così come riguardare una foto di una giornata di tanto tempo fa potrà farci ritornare alla mente dettagli ormai dimenticati, anche la rilettura di un racconto di qualcosa nel nostro diario ci potrà rivelare emozioni sorprendenti.

Fare pratica di scrittura (creativa)!

Scrivere è un’arte e, tanto quanto leggere, quest’attività porta la nostra mente lontano, a fantasticare e a perdersi nei pensieri più creativi. La maggior parte delle ragazzine ha un diario segreto, ma spesso negli anni si perde questa abitudine. Uno dei motivi per tenere un diario personale, invece, è proprio quello di coltivare quest’arte nel tempo, allenando anche quella che è detta “scrittura creativa” e, chissà, scoprire magari di avere un innato talento!

Leggi anche:

Diario della gratitudine ecco come farlo

Potrebbe interessarti anche