02 aprile 2018 |

Kab, come funziona il nuovo allenamento alla sbarra per ballerini

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Chi di voi conosce il metodo Kab? Scopriamo insieme come funziona il nuovo allenamento alla sbarra per ballerini e non, che tonifica e modella il corpo in modo armonioso.

Il Kab è il nuovo metodo di allenamento messo a punto dai Kataklò, la compagnia italiana di teatro fisico fondata nel 1995 da Giulia Staccioli, ex campionessa di ginnastica ritmica e performer negli anni ‘90 del gruppo americano di ballo acrobatico Momix.

Come funziona il Kab? Consiste essenzialmente in una sequenza di esercizi che vanno a lavorare contemporaneamente su forza e allungamento, movimenti molto utili per i danzatori-acrobati e per tutti coloro che vogliono modellare il corpo dotandolo sia dell’eleganza dei ballerini sia della potenza dei ginnasti.

Allo stesso tempo, il Kab tonifica e rassoda senza aumentare la massa muscolare. Una delle peculiarità di questa disciplina è l’utilizzo di una sbarra aerea per eseguire gli esercizi, dove gli atleti realizzano una serie di movimenti in sospensione per aumentare il lavoro fuori equilibrio e in isometria.

A livello strutturale si tratta di una sbarra uguale a quella tradizionale della danza classica, ma la aerial barre ha anche la possibilità di essere sollevata dal suolo per compiere esercizi innovativi per varietà e per declinazioni di intensità e ritmo.

Il Kab è quindi una nuova ed organizzata metodologia di studio che consente una strutturazione muscolare costante ed un’impostazione posturale corretta e armonica sia per professionisti della danza e delle performance acrobatiche sia per chi si approccia per la prima volta ad una pratica di allenamento che punta al benessere e al rimodellamento del corpo.

Leggi anche:

Potrebbe interessarti anche