25 gennaio 2018 |

Cosa significa essere ipocondriaco? Ecco le cause e i sintomi

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Avete mai sentito parlare di ipocondria? Sicuramente sì, ma sapete esattamente cosa significa essere ipocondriaco? Ecco le cause, i sintomi e i modi per combatterla. L’aspetto più difficile sicuramente è ammettere di soffrirne!

Vi è mai successo di sentire parlare di ipocondria? O magari qualche volta qualcuno vi ha etichettato in questo modo? Ma siete sicuri di sapere esattamente di cosa stiamo parlando? Cerchiamo di capire prima di tutto cosa significa essere ipocondriaco e quali sono le cause e i sintomi di questo disturbo che spinge chi ne soffre a immaginare malattie pur essendo un soggetto sanissimo.


Ipocondria, l’etimologia del termine

È una parola di origine greca che in una delle sua accezioni significa “malato di malinconia”, questo perché la persona ipocondriaca tendenzialmente non vive bene, anzi, è un soggetto in preda ad ansia continua e a timore per la propria salute. L’ipocondria è la cosiddetta sindrome del malato immaginario, della persona sana che però ha la capacità di ammalarsi davvero, proprio perché esistono davvero per l’ipocondria sintomi fisici.

Il soggetto ipocondriaco vive in modo ansioso il proprio benessere, uno stato di salute compromesso da tantissimi sintomi immaginari che però in qualche caso, anche se vengono prodotti dalla mente, diventano reali e concreti. Tutti siamo un po’ in apprensione per la nostra salute, ma l’ipocondriaco si comporta in modo ansioso, non vive bene e rinuncia anche a tantissime esperienze di vita per questa sorta di fissazione.

In caso di ipocondria i test, le visite e le ricerche su internet sono all’ordine del giorno per il soggetto che ne soffre, che smette anche di recarsi dal medico perché fondamentalmente non vuole sentirsi dire frasi come “lei è in perfetta salute”.

Ipocondria, le cause più comuni

Sulle cause dell’ipocondria si continuano a fare test ma spesso i risultati sono sfaccettati e non rappresentativi, motivo per cui non è semplice stabilire chiaramente quale sia la causa che scatena questo stato di apprensione. Può trattarsi di un avvenimento traumatico che riguarda la salute (anche di un’altra persona) ma anche un’adolescenza tormentata, per non parlare di specifiche situazioni di stress. La verità è che nella maggior parte dei casi le cause non sono direttamente collegate alla salute.

Ipocondria, cura e trattamento

Pensate di soffrire di ipocondria? Come combatterla e vivere più serenamente il proprio benessere? Non è semplice, perché in realtà la malattia non è fisica ma psicologica, per cui richiede tempo, terapia, esperienze e supporto. Non tutti guariscono e non tutti in realtà vogliono uscirne, qualcuno non riesce neppure ad ammettere di soffrirne. Nelle forme più problematiche, quelle che poi davvero limitano l’aspetto sociale del proprio benessere, viene presa in considerazione la psicoterapia. Qualche volta accade invece che un ulteriore trauma spazzi via quello che precedentemente aveva causato il disturbo.

 LEGGI ANCHE:

L’ipocondria è donna

Potrebbe interessarti anche