16 Maggio 2017 |

Melatonina per dormire, come assumerla, le proprietà e le controindicazioni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
melatonina

Conosciamo meglio la melatonina per dormire, come assumerla, le proprietà e le controindicazioni di questo integratore naturale alleato del sonno. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla melatonina per ottenere benefici e sentirsi in forma.

La melatonina è un ormone che viene rilasciato dalla ghiandola pineale o epifisi, alla base del nostro cervello, che aumenta durante le ore notturne. Il suo ruolo principale, infatti, è quello di regolare il ciclo sonno-veglia, aiutando il corpo a seguire un andamento regolare tra i momenti in cui si dorme e quelli in cui si è vigili.

Proprietà della melatonina

La melatonina possiede molte proprietà benefiche per il nostro corpo, tra cui spicca sicuramente la sua capacità di alleviare l’insonnia.

Chi soffre di disturbi del sonno, infatti,  utilizza degli integratori di melatonina per migliorare la durata e la qualità del sonno in modo naturale, senza ricorrere a sonniferi o a farmaci che potrebbero creare dipendenza. La melatonina, inoltre, è un rimedio anche per il jet lag poiché è in grado di regolarizzare i bioritmi interni in modo efficace.

Si riscontrano altre importanti proprietà della melatonina per l’organismo, come la capacità di alleviare il mal di testa, contrastare i radicali liberi, aiutare a dimagrire e rinforzare il sistema immunitario.

Come assumere la melatonina

Gli integratori di melatonina vengono di solito assunti sotto forma di compresse, con un dosaggio che va da 1 a 5 milligrammi, ma la posologia adatta a ciascuno di noi deve essere calcolata in modo preciso attraverso una prova salivare che può effettuare il medico di base. In linea di massima, la dose giornaliera di melatonina non dovrebbe mai superare i 30-40 grammi.

È necessario assumere la melatonina prima di andare a letto, meglio se circa un’ora prima di coricarsi e più o meno sempre alla stessa ora, in modo tale che abbia il tempo di agire durante le ore notturne senza interessare le ore di veglia durante la giornata.

Controindicazioni della melatonina

In linea generale si possono riscontrare controindicazioni ed effetti collaterali della melatonina solo se se ne fa un uso cronico e incontrollato o in presenza di particolari condizioni fisiche. Tra le principali controindicazioni della melatonina segnalate troviamo sonnolenza durante la giornata, emicrania, eruzioni cutanee, vertigini e nausea, crampi, alterazioni ormonali e variazioni dell’umore.

Visti i recenti studi in corso sull’eventuale capacità contraccettiva della melatonina, è bene fare attenzione ad assumere melatonina in gravidanza poiché non si esclude che l’assunzione di tale sostanza possa interferire con lo sviluppo del feto. In ogni caso è opportuno rivolgersi al proprio medico per avere tutti i chiarimenti necessari formulati sulla base del vostro quadro clinico.

Leggi anche:

Claudia S.