Come combattere la bronchite asmatica da allergie e da raffreddamento

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Durante la stagione fredda non è certo raro incappare in malanni tipici della stagione, come raffreddore, influenza e bronchite. Quest’ultima è particolarmente insidiosa perché può essere anche di natura allergica e, dunque, più difficile da curare. Vediamo nel dettaglio cos’è la bronchite asmatica e come possiamo combatterla.

Cos’è la bronchite asmatica?

La bronchite è un’infiammazione dei bronchi e può presentarsi per due motivi: per via dell’inalazione di sostanze nocive oppure per l’effetto di agenti virali e batteriologici. La sua caratteristica è quella di creare un eccesso di muco difficile da espellere. Quando all’infezione si associa anche il cosiddetto “broncospasmo”, allora abbiamo la bronchite asmatica, poiché il broncospasmo è uno dei sintomi dell’asma stessa. La bronchite asmatica è caratterizzata, dunque, dalla difficoltà d’espellere il muco e il catarro prodotti per via dell’infezione dei bronchi nonché dal tipico senso d’oppressione e mancanza d’aria tipici dell’asma.

Quali sono i sintomi della bronchite asmatica?

I sintomi della bronchite asmatica sono:

  • dispnea (difficoltà a respirare)
  • tosse secca e stizzosa che non crea sollievo
  • respirazioni con rantolo e sibili
  • dolore ai muscoli respiratori
  • febbre non molto alta
  • dolore e bruciore al petto
  • naso chiuso

Tutti questi sintomi verranno valutati dal medico, che procederà anche all’auscultazione del torace. Se non trattati infatti i sintomi della bronchite asmatica possono aggravarsi, fino a rendere la respirazione difficoltosa.

Cosa evitare per non peggiorare la bronchite asmatica?

Ci sono dei fattori di rischio che possono aumentare le probabilità di contrarre la bronchite asmatica e che ne peggiorano i sintomi quando la bronchite è già presente. Questi fattori da evitare sono:

  • fumo
  • ambienti secchi e molto polverosi
  • inquinamento atmosferico
  • infezioni già presenti in precedenza

E’ bene dunque non fumare durante un attacco di bronchite asmatica, fare uso di mascherine se si deve camminare a piedi in città inquinate e non trascurare altri malanni che possono, col tempo, peggiorare. E’ importante che gli ambienti, soprattutto la camera da letto, non presentino aria secca.

Come curare la bronchite asmatica?

La bronchite asmatica viene trattata dalla medicina tradizionale con:

  • broncodilatatori, come il famoso Ventolin, che servono a dilatare i bronchi e ad alleviare la sensazione di non riuscire a inspirare o espirare l’aria facilmente
  • antinfiammatori, utili nel caso in cui l’abbinamento tosse e broncospasmi abbiano irritato le mucose dell’apparato respiratorio
  • cortisone

Se è presente un’infezione batterica, allora verranno prescritti al paziente anche degli antibiotici.
La medicina naturale, invece, punta sulle proprietà di erbe e radici come:

  • ginseng
  • bromelina sotto forma di tè
  • farfara
  • lobelia
  • cibi e bevande che contengono beta-carotene e bioflavonoidi, o sotto forma di integratori

E’ importante ricordare che prima di assumere qualsiasi medicinale o erba, è buona norma parlarne con il proprio medico per evitare di peggiorare la situazione. La medicina naturale ad esempio può essere utile per alleviare i sintomi lievi o per prevenirli, ma non potranno mai risolvere una crisi asmatica né guarire un’infezione batterica.
In questi casi, è sempre meglio rivolgersi a un medico per ottenere le cure più adeguate al proprio caso.

Potrebbe interessarti anche