18 Ottobre 2020 |

La cravatta che diventa mascherina: idea regalo e trend per la moda autunno-inverno

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Must have e idea regalo: la cravatta che diventa mascherina (non chirurgica, ma di stoffa).

Vattinn’ è il nome della cravatta per sottolineare il necessario distanziamento sociale.
Frutto del genio napoletano, prodotta da Ulturale, è l’ultima trovata made in Italy e più precisamente made in Napoli.

È un must per la moda maschile autunno-inverno; può essere un’ottima idea regalo assolutamente originale o per chiunque voglia osare con uno stile diverso dal solito.
Alcune sartorie italiane hanno pensato a una cravatta che si trasforma all’occorrenza in mascherina (in tessuto, non medica). L’escamotage dà la possibilità di uscire senza dimenticare dispositivi di protezione personale favorendo anche l’acquisto di qualche cravatta in più.
Il capo, però, è tutt’altro che economico: si parte da una base di circa 170 euro.

Anche in tempo di pandemia non si può rinunciare alla creatività e allo stile. Attenzione: non è una mascherina medica, ma permette di andare in giro senza incorrere in multe.

Come funziona?
Il codino della cravatta (ossia la parte sottile finale che si inserisce nel passante del capo) si trasforma in un solo movimento in una mascherina, con tanto di elastici per fermarla dietro le orecchie. Tutto quello che bisogna fare è allargare i due lembi del codino con le mani. L’invenzione è la soluzione che farebbe vendere qualche cravatta in più, cosa che in piena crisi economica da pandemia non potrebbe che essere un bene.
Si tratta di un dispositivo di protezione personale di sola stoffa, un po’ come molte mascherine comprate nei negozi di abbigliamento che però non sono fornite di filtro incorporato. In molte è possibile inserirlo per rendere la protezione in stoffa efficace contro il Coronavirus.
La cravatta-mascherina è per ora soltanto in stoffa e non prevede l’inserimento di un filtro per la respirazione.

Il futuro però non esclude una rivoluzione anche in questo senso.
Che ci si possa reinventare sempre e comunque è uno degli insegnamenti più grandi che ci ha conferito questo 2020 e questo si riflette anche sul mondo della moda.