14 Marzo 2019 |

Bracciali in pelle da donna Krack: indossali subito!

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Bracciali in pelle da donna Krack

Sono nati i nuovi bracciali in pelle da donna di Krack Milano.


La moda ci dice che la donna metropolitana – sofisticata e grinta da vendere – vuole accessori esclusivi e che siano protagonisti.

Proprio per questo, Krack Milano, un nome che esprime in una metafora la voglia di ribellione, ha pensato a dei bracciali di cuoio, forti e decisi, consapevoli e moderni e che possano in un solo accessorio rappresentare al meglio la “sua” donna grintosa.

Bracciale in pelle da donna Krack Credits foto: Consuelo Canducci – Instagram:@consuelocanducci_photography

Cuoio nero, bianco, oppure oro o rosso vivo per distinguersi attraverso un dettaglio di stile. Borchiature originali forano la pelle o la arricchiscono di viti e di intrecci, come il sensuale bracciale in pelle Bustier, il pezzo più elaborato della variegata collezione del Brand che pensa a donne che vogliono essere intriganti ma sempre con eleganza.

Krack nasce a Milano nel 2017 dal desiderio di una giornalista televisiva, Caterina Ruggeri di indossare con una giacca e una camicia bianca un accessorio che le conferisca forza ed energia, e, grazie al supporto del designer Andrea Croce il bracciale in pelle da donna si è trasformato in una vera e propria collezione.

Bracciale in cuoio da donna Krack
Credits foto: Consuelo Canducci – Instagram:@consuelocanducci_photography

E’ nato così un piccolo oggetto che molto sa raccontare della donna che lo indossa.

Made in Italy, fatti a mano da storici artigiani della pelletteria i bracciali di cuoio Krack guardano alla sostenibilità con una svolta ecologica, tanto che le prossime collezioni saranno realizzate unicamente con scarti delle grandi produzioni, nell’ottica di ridurre gli sprechi.

Sono disponibili online sul sito ufficiale del Brand :

www.mykrack.it/shop

@krack_milano

credits foto: Consuelo Canducci

www.consuelocanducci.com

Instagram:@consuelocanducci_photography

Potrebbe interessarti anche