Anelli di fidanzamento e fedine, come non sbagliare nella scelta

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Come scegliere l'anello di fidanzamento? Meglio un solitario o una fedina in oro bianco o in argento? Ecco la guida alla scelta.

Come non sbagliare nella scelta dell’anello che promette ad ogni donna ti amerò per tutta la vita.

La tradizione dell’anello di fidanzamento sfida i secoli ma resta invariata: nessuna donna vuole rinunciare al suo anello. Non è importante il costo, quello che le donne vogliono è portare sempre al dito un simbolo di eterno amore, una promessa che dica “ti amerò per sempre”.

Anche noi donne, a volte, andiamo in crisi quando si tratta di scegliere il giusto regalo di fidanzamento da fare al nostro lui, ma di certo la scelta dell’anello è molto, molto più complicata.

Ci sono, comunque, delle piccole linee guida da rispettare, se si vuole andare sul sicuro nella scelta dell’anello di fidanzamento perfetto, scopriamole e facciamone tesoro.

Scegliere un anello o una fedina di qualità

La qualità ha un costo, in momenti economici come quello che stiamo vivendo forse può sembrare inopportuno, ma quell’anello rappresenta l’impegno, la fedeltà, l’amore eterno che due futuri sposi promettono l’un l’altra. Le maggiori maison invitano a non scegliere una pietra meno pura ma più grande, anzi!

Consigliano di acquistare una pietra perfetta, nel taglio e nel colore, anche se di caratura inferiore. Insomma, meglio un diamante di 0,30 carati, ma che sia pulito e perfetto.

Inoltre, suggeriscono ai clienti di farsi rilasciare un certificato di qualità, per un motivo molto semplice: i diamanti non perdono mai valore. Le principali case di gioielli, comunque, cercano di andare incontro alle necessità dei giovani che vogliono acquistare un anello di fidanzamento, creando linee che non superino i 1.600 euro a pezzo. Cifra sempre importante, ma abbordabile.

 

Solitario con diamante ma anche con una perla o una pietra preziosa

Il solitario, con il diamante che svetta luminoso, è di certo l’anello di fidanzamento per antonomasia. La pietra stessa ha un significato simbolico molto forte: è la pietra indistruttibile ed eterna, come si spera sia l’amore degli sposi. Molte donne, però, iniziano a preferire altre pietre, ugualmente preziose ma forse meno convenzionali.

Zaffiri, smeraldi, rubini, diamanti gialli o rosa, fanno capolino ormai da tempo, anche grazie a William d’Inghilterra, che ha regalato a Kate l’anello con zaffiri che fu della madre, Lady Diana. In genere, comunque, il diamante resiste e nessuna donna sa immaginare un anello di fidanzamento senza una pietra. Dunque, fasce di solo metallo prezioso non sono molto gradite, così come le perle.

Anello di fidanzamento di famiglia

Regalare l’anello di famiglia, tramandato dalle ave del nostro compagno e approdato sul nostro anulare, è un segno importante: siamo entrate ufficialmente nella sua famiglia e ci affida, in qualche modo, la sua storia. E’ bene, però, sapere i gusti della fidanzata, prima di regalare un anello così carico di significati. Se la futura sposa non ama l’oro giallo e l’anello di famiglia è di quel materiale, forse è bene scegliere un altro modello ex novo. E’ tradizione restituire l’anello di famiglia qualora le nozze dovessero sfumare.