21 febbraio 2014 |

Matrimonio a Parigi [FOTO]

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Sposarsi a parigi

Parigi è la cornice ideale per un matrimonio romantico, l’atmosfera è perfetta per pronunciare quel fatidico “sì”. Bello, bellissimo, fantastico ma purtroppo non per tutti, perché per sposarsi a Parigi bisogna risiedere nella città più romantica del mondo, a meno che non decidiate di sposarvi in crociera, ma il matrimonio potrà celebrarsi soltanto sulla nave, con la possibilità di proseguire i festeggiamenti a terra. In alternativa, sarete costretti a soggiornare per un periodo di tempo a Parigi.

Le leggi francesi prevedono che la coppia risieda in Francia, nel distretto in cui progetta di sposarsi, almeno 40 giorni prima della cerimonia, periodo che comprende 30 giorni d’attesa e 10 per l’esposizione dei bandi di nozze, quelle che in Italia chiamiamo “pubblicazioni”. Potete anche risiedere presso un amico che vive a Parigi, l’importate è che sia disposto a testimoniare ufficialmente che per l’intero periodo di tempo abbiate vissuto in quella casa.

La documentazione necessaria

Dovrete recuperare in municipio tutta la documentazione richiesta, allegando anche due foto del vostro domicilio, contratto d’affitto o locazione, bollette del telefono, insomma tutto ciò che occorre per dimostrare che in quei 40 giorni avete vissuto a Parigi. Insieme alla documentazione dovrete consegnare anche passaporto o carte d’identità di entrambi, certificati di nascita, stato di famiglia, una certificazione medica e una dichiarazione giurata sulla validità del matrimonio.

Una volta scelti i testimoni, che in numero possono variare da 2 a 4, bisognerà presentare in municipio le loro credenziali: nome, indirizzi, professioni e copie dei loro documenti di identità.

Trascorsi i 40 giorni canonici sarà il municipio stesso a informarvi sul giorno e l’ora della cerimonia, ma potrete sposarvi prima civilmente e soltanto dopo in chiesa.

Potrebbe interessarti anche