01 Febbraio 2019 |

Pluriclassi, di cosa si tratta e come funzionano?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Come funzionano le pluriclassi e di cosa si tratta? Non tutti i genitori conoscono questa realtà che, però, potrebbe rivelarsi un metodo di apprendimento particolarmente valido ed efficace. Come suggerisce il termine stesso, per pluriclasse si intende un raggruppamento tra classi piccole ed eterogenee della scuola primaria e secondaria. Insomma, è anche un modo per favorire il rapporto tra classi e tra gli studenti.


Pluriclassi, di cosa si tratta

Le pluriclassi sono frutto, purtroppo, della carenza di risorse destinate al sistema scolastico. Mancando gli insegnanti e gli spazi può nascere l’esigenza di accorpare classi diverse con pochi alunni, magari anche eterogenee. Potrebbe capitare, quindi, che un istituto scolastico accorpi una prima ed una seconda media o una prima ed una quinta elementare quando ciascuna classe ha un numero particolarmente esiguo di studenti. Si tratta di un fenomeno in espansione, soprattutto nelle piccole realtà dei territori montani e delle isole, che hanno a disposizione sempre meno risorse. Ovviamente le pluriclasse dovrebbero essere considerate soluzioni di emergenza, ma spesso sono una necessità proprio per la carenza di risorse, di organico e di spazi.

Pluriclassi, come funzionano

Le pluriclassi sono ormai una realtà nel nostro Paese. Si tratta di un fenomeno che ha implicazioni ed effetti notevoli sulla vita degli alunni e non sono tutti negativi. Ovviamente in questi casi gli insegnanti dovranno rivedere i metodi di insegnamento perchè vengono accorpate classi con studenti di età diverse. Esistono, però, anche dei vantaggi della pluriclasse, che favorisce l’incontro tra studenti di età diverse: questo rappresenta sicuramente un arricchimento, sia per gli alunni più piccoli che per quelli più grandicelli. Ma esiste una vera e propria normativa in materia di pluriclassi?

Normativa in materia di pluriclassi

Il sistema pluriclassi è ormai una realtà in molte zone del nostro Paese: Il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ne conta ad oggi 1.681, sparse per tutta l’Italia. Ma esiste una normativa che le disciplina? La normativa sulla pluriclasse per l’anno scolastico 2018/2019 si ricava dalla circolare del Ministero sugli organici 2018/2019, che prevede che le pluriclassi dovranno essere costituite da non meno di 8 e non più di 18 bambini. Insomma, la normativa prevede in questo caso degli accorpamenti che, però, non devono alimentare il fenomeno delle cosiddette “classi pollaio”. Molti genitori manifestano spesso perplessità in merito al fenomeno delle pluriclassi. In realtà, se ben seguiti, gli studenti possono comunque ricevere una formazione adeguata alle loro capacità. Come anche per le classi ordinarie, molto dipende anche dalle capacità dell’insegnante. Anche per questo le pluriclassi sono un fenomeno da non demonizzare, che possono servire da “esperimento didattico” che potrebbe consentire un’evoluzione della scuola e nei metodi di insegnamento.

Leggi anche:

Potrebbe interessarti anche