12 Giugno 2015 |

10 giochi della nostra infanzia da insegnare ai più piccoli

di Filomena Salzano

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Photo by Robert Collins on Unsplash.com

Bambini sempre incollati alla tv o ai videogiochi? Dite basta con i 10 giochi della nostra infanzia da insegnare ai più piccoli. Facciamo un tuffo nel passato per riscoprire che divertirsi si può anche senza la tecnologia. Basta avere la giusta compagnia e tanta fantasia!

Arrivano le belle giornate. Quale occasione migliore per far giocare i bambini all’aria aperta? Ogni scusa è buona per provare a tenere i più piccoli un po’ lontani dalla televisione, dai videogames, smartphone e tablet. Gli stili di vita moderni, a partire da quelli dei genitori, portano a dedicare sempre meno tempo alle attività ludiche in compagnia dei coetanei e praticate lontano dal divano di casa. Se diamo un rapido sguardo al nostro passato, potremmo renderci conto di quanto noi riuscissimo a divertirci veramente con poco, insieme agli amici e con un po’ di immaginazione. E allora perché non provare ad insegnare ai nostri piccoli qualche bel gioco vintage? Proviamo a fare un tuffo nel passato rivedendo i più belli e divertenti, da fare all’aperto, in casa o alle feste di compleanno, purché in compagnia.

1) Palla avvelenata

Ecco uno dei giochi da fare all’aperto in compagnia di tanti bambini, per il quale occorre solo una parete e una palla. Una volta sorteggiato un battitore, gli altri giocatori dovranno sistemarsi sparsi intorno a lui. Il battitore dovrà lanciare la palla verso il muro e fare il nome di uno dei giocatori: tutti dovranno mettersi a correre mentre il nominato deve cercare di prendere la palla. Quando riuscirà a prenderla, dovrà gridare “STOP” e tutti gli altri partecipanti devono rimanere fermi immobili come statue, mentre lui potrà fare un numero limitato di passi (3 in genere) per colpire con la palla il giocatore a lui più vicino. A questo punto, se il giocatore-statua viene colpito, lascia il gioco; se il colpo non va a segno, il giocatore sopravvissuto alla palla avvelenata diventa il nuovo battitore; se, invece, riesce a bloccare la palla al volo, elimina il battitore. Vince chi riesce a rimanere in vita per ultimo.

2) Campana o settimana

Il gioco della campana ( o settimana o mondo) è un altro gioco da fare fuori casa. In questo caso occorre una superficie su cui poter scrivere con dei gessetti colorati. Questi serviranno per disegnare 7 caselle contrassegnate da numeri. I bambini, a turno, dovranno lanciare un sassolino all’interno della prima casella e saltare al suo interno con un piede solo, raccogliendo il sasso, Da lì, poi, salteranno in tutte le altre caselle e tornare al punto di partenza. Il vincitore sarà il bambino che per primo riesce a far cadere il sasso in tutte le caselle e a completare il percorso senza mai toccare le linee tracciate a terra con i piedi.

3) Caccia al tesoro

La caccia al tesoro è un gioco davvero divertente per bambini, da poter fare sia in casa che all’aperto con un po’ di fantasia. Sbizzarritevi a creare indovinelli che, indizio dopo indizio, porteranno i bambini a scoprire il tanto desiderato tesoro. Con un po’ di creatività potrete far giocare i bambini in modo stimolante anche per la loro capacità di logica e deduzione. Se poi riusciste a strutturare il gioco a squadre e, magari, con un premio vero in palio, vedrete che si scateneranno!

4)Regina reginella

Chi non ricorda la simpatica filastrocca “Regina reginella, quanti passi devo fare per arrivare al tuo castello con la fede e con l’anello, con la punta del coltello?”. Ogni giocatore dovrà recitarla alla regina di turno, che comanderà di volta in volta il gioco. Quest’ultima è tenuta a rispondere ad ognuno, assegnando un certo numero di passi da eseguire e in un modo particolare. Ad esempio: 3 passi da elefante, oppure 4 da formica, 3 da gambero ( quindi, all’indietro). Ognuno è obbligato ad eseguirli al meglio, imitando l’animale richiesto. Il primo che riuscirà a raggiungere la regina, vince e ne prenderà il posto.

5) Telefono senza fili

Il gioco del telefono senza fili è divertentissimo da fare anche quando si è costretti a stare in casa o si ha poco spazio a disposizione. I bambini si siedono in cerchio e, a turno, ognuno dovrà pensare ad una frase qualsiasi da riferire nell’orecchio a chi è seduto alla propria destra. Quest’ultimo lo riferirà a colui o colei che è seduto alla propria destra e così via fino a completare il cerchio. L’ultimo dovrà ripetere la frase che, nel frattempo, gli sarà giunta attraverso il passaparola. Nel 99% dei casi, quella pronunciata alla fine non è mai uguale alla frase pronunciata in partenza. Ciò che ne verrà fuori li farà ridere fino alle lacrime.

6) Strega comanda colore

Se avete spazio a disposizione per farli correre, strega comanda colore è un gioco che li entusiasmerà. In ogni partita si sceglie, attraverso una conta, la strega che dirige il tutto e che dovrà scegliere, di volta in volta, un colore diverso. Ad esempio dirà “strega comanda color verde!”. I giocatori dovranno correre per cercare qualcosa del colore comandato e toccarla. Se la strega ne cattura uno prima che ci riesca, il catturato diventerà la nuova strega.

7) Lupo mangia frutta

Anche il lupo mangia frutta è un gioco che farà scatenare i vostri piccoli. Tutti i bambini dovranno mettersi in fila e pensare ad un frutto, senza dirlo ad alta voce, Il lupo di turno, estratto a sorte, dovrà di volta in volta pronunciare il nome di un frutto a caso. Se il frutto nominato corrisponde a quello pensato, il bambino dovrà correre per non farsi toccare dal lupo, altrimenti ne prenderà il posto.

8) Biglie

Un gioco perfetto da fare in spiaggia è quello delle biglie. Basterà mettervi all’opera per creare una pista e un percorso con la sabbia e divertirvi a fare una gara con le classiche e intramontabili biglie di vetro. Semplice e ideale per intrattenerli al mare.

9) Mosca cieca

Per il gioco della mosca cieca, tutto quello che serve è un fazzoletto e un po’ di spazio. Meglio se giocato all’aperto, prevede che il bambino estratto a sorte venga bendato con un fazzoletto e condotto al centro nella stanza o dello spazio prescelto, facendolo girare un po’ su se stesso per fargli perdere l’orientamento. Tutti gli altri gli rimarranno intorno sparsi. Al via, tutti dovranno correre per non farsi afferrare dalla mosca. Quando il bambino bendato riuscirà a catturarne uno, dovrà cercare di indovinarne l’identità tastandogli il viso. Se vi riesce, il catturato prenderà il suo posto.

10) Gioco del fazzoletto

Bellissimo da fare in spiaggia o all’aperto, quello del fazzoletto è un gioco a squadre che ha appassionato bambini e ragazzi di ogni generazione e che potrebbe piacere anche ai vostri figli. Dividete i partecipanti in squadre di pari componenti e disponeteli in due file, l’una davanti all’altra. Assegnate un numero ad ogni bambino, che sarà lo stesso anche per l’avversario che gli sta di fronte. Un arbitro, posizionato a metà tra le due squadre con un fazzoletto in mano, dovrà chiamare un numero a caso. I due bambini con il numero corrispondente a quello nominato dall’arbitro dovranno scattare e correre per afferrare il fazzoletto per primi. Egli conquisterà un punto per la propria formazione solo se riuscirà a tornare dietro la linea della propria squadra senza farsi toccare dall’avversario. Viceversa, il punto andrà all’altra squadra.