12 Ottobre 2011 |

Libri per mamme apprensive: I bambini crescono nonostante gli adulti

di francesca

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Far crescere un bambino con profondi e duraturi valori interiori di etica, rispetto per gli altri, civismo e umanità e costruire benessere e qualità della vita per il nuovo fragile essere umano che si affaccia al mondo. Si può? Giuseppe Ferrari spiega come fare nel suo nuovo saggio edito dalla De Agostini Libri e considera i genitori i veri artefici di come sarà il proprio figlio, fino a sentenziare:“Ogni mamma ha il bambino che si merita”.

Una sentenza a dir poco responsabilizzante e per molti senza dubbio anche preoccupante.
Crescere i bambini non è solo l’applicazione rigorosa di tecniche specifiche, ma soprattutto l’attuazione di un pensiero filosofico che punta alla qualità della vita dei bambini e al loro benessere. Il benessere, inteso da Ferrari, non semplicemente fisico, ma anche psicologico, etico, culturale, sociale e di relazione.

“I bambini crescono nonostante gli adulti”

Come prima cosa, i genitori sono richiamati dall’autore ad ascoltare le richieste del proprio bambino -che meglio di chiunque altro si conosce- ad accettarle e rispettarle perché questo significa, secondo il professore, amare, e solo con questo atteggiamento si ottiene la serenità del piccolo. Così ecco la seconda sentenza di impatto: “Il bambino è il miglior pediatra di se stesso”.

Il libro di Giuseppe Ferrari illustra il percorso di crescita a partire dal neonato: si passano in rassegna le anomalie caratteriali che possono sorgere nel piccolo, le sue conflittualità interiori determinate dall’approccio con il mondo degli adulti, il suo sviluppo intellettivo, motorio, cognitivo ed emozionale, la ricerca e la conquista graduale di indipendenza e di autonomia.

Tutti momenti difficoltosi per i genitori che nel libro scoprono come gestirli. Ed è meno difficile di quanto si possa credere. Basti un esempio su tutti: come affrontare i capricci? In particolare quelli improvvisi, immotivati, quelli più urlati, inarrestabili, le vere sceneggiate che i bambini sanno far esplodere specialmente nei luoghi pubblici perché sanno di mettere in forte disagio mamma e papà? Con incredulo stupore per i più, Ferrari suggerisce di rimanere indifferenti e ignorare quelle manifestazioni isteriche e quei pianti che implorano al contrario attenzione e invogliano una sana sculacciata. Non bisogna offrire audience allo spettacolo che il bambino mette in scena: del resto, anche le compagnie teatrali sospendono gli show in assenza di pubblico.

Così presenta le soluzioni Giuseppe Ferrrari: semplici ed efficaci. E’ un autore che riesce a sdrammatizzare senza mai sottovalutare o minimizzare le problematiche. Se siete in difficoltà, rendetevi la vita più facile e imparate l’approccio educativo da un esperto.

Incontri con l’autore, aperti al pubblico: Torino – Como – Milano.
3 novembre, al Circolo dei Lettori di Torino, ore 18.00
10 novembre, presso il Collegio Gallio di Como, ore 20.30
16 novembre, presso la Libreria degli Atellani – Milano, ore 19.00