02 Maggio 2011 |

Musica in gravidanza: i bambini ricordano le melodie ascoltate dalla madre

di francesca

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

La musica è terapeutica per tanti motivi: riesce a rallegrarci e calmarci, permette di sfogare malumore e tristezza, ci tiene compagnia e, in qualche modo, descrive la nostra personalità . Anche in gravidanza questi tratti positivi restano invariati e, anzi, per fare un po’ di moto, non c’è niente di meglio di qualche passo di danza, anche nel salotto di casa, a tempo di musica.

Quello che però ha scoperto l’equipe della dottoressa Carolyn Granier-Deferre mostra, una volta di più, come il bambino nel pancione abbia già bisogno di cure ed attenzioni. I ricercatori della Paris Descartes University hanno fatto ascoltare a 50 donne in attesa una melodia a loro sconosciuta, una sonata decrescente al piano, mentre erano tutte prossime al parto. La melodia veniva ascoltata dalle future mamme due volte al giorno nelle ultime 3 settimane di gravidanza ed è stata poi riproposta ai neonati, nel primo mese di vita, mentre dormivano.

E’ stato stabilito che l’ascolto della melodia “conosciuta” permetteva ai bambini di rilassarsi maggiormente e di rallentare i battiti cardiaci, tanto che la frequenza cardiaca diminuiva di 12 battiti al minuto. I ricercatori hanno voluto sottolineare come non solo il bambino percepisca le sensazioni fisiche e psicologiche della mamma mentre è ancora nel pancione, ma anche altri suoni esterni che avvertirà come
familiari una volta venuto al mondo.

La dottoressa Carolyn Granier-Deferre ha raccomandato pertanto alle mamme di far ascoltare melodie piacevoli ai bambini mentre sono in attesa, e cantare loro stesse al piccolo in arrivo delle canzoni dolci e lievi, che potranno poi usare come una ninna nanna quando il bambino sarà nato. In questo modo il piccolo avrà modo di riconoscere non solo una melodia tranquillizzante ma anche la voce della mamma cosa, questa, che lo farà sentire al sicuro.