09 Settembre 2021 |

Primo giorno di scuola: una guida per tutte le mamme

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
  • Primo giorno di scuola: una guida per le mamme per prepararsi e per preparare i propri bambini al fatidico rientro
  • Tutti i consigli per scegliere lo zaino più confortevole
  • Colazione: che alimentazione scegliere e quali sono i cibi più energetici che aumentano la concentrazione

Il primo giorno di scuola si avvicina! Dopo tre mesi di vacanza, è tornato settembre. Questa è una guida per ogni mamma che risponde ad ogni domanda che i genitori si pongono per il primo giorno di scuola. Quale zaino acquistare, che colazione preparare. E soprattutto, come preparare i propri figli ai ritmi scolastici. Abbiamo provato a rispondere a più domande possibili.

Zaino per la scuola: quale scegliamo?

La misura dello zainetto è fondamentale. Sia per una questione di comodità, ma soprattutto per preservare la colonna vertebrale dei vostri figli. Più sono grandi e più pesano, anche vuoti, figuriamoci con libri e quadernoni.
Come sceglierlo?

  1. Lo schienale deve essere rigido. Uno zaino senza schienale provoca un accumulo del peso verso il basso.
  2. Non deve essere di grandi dimensioni.
  3. Le bretelle devono essere regolabili. Così da essere adattabili alla schiena del piccolo e garantisce una distribuzione omogenea del carico su entrambe le spalle.
  4. Gli zaini con il trolley possono essere degli ottimi alleati.
  5. Da preferire lo zaino con la cintura addominale con fibbia per bilanciare il peso.

Come riempire lo zaino per bambini

Mai riempire lo zaino in larghezza, ma sempre e solo in altezza. Cercate di inserire al suo interno solo l’essenziale, quindi evitate tutto ciò che potrebbe risultare inutile a scuola.
Altro aspetto importantissimo: non tenere lo zaino per più di 15 minuti e di non portarlo mai solo su una spalla.

Come vestire il bambino: abbigliamento

La scelta dell’abbigliamento è uno step non di poco conto che richiede accuratezza e precisione. Che sia il primissimo giorno di scuola o l’inizio di un qualsiasi anno scolastico non importa. Ciò che deve essere messo in conto è la comodità e la praticità dell’outfit.
Da evitare assolutamente un abbigliamento fin troppo elaborato e decisamente scomodo. Durante il corso dell’anno scolastico privilegiate tutti quei capi d’abbigliamento che possono essere sfruttati tranquillamente, quindi t-shirt a tinta unita non eccessivamente care.

Il grembiule: taglia più grande o più piccola?

Tenete in considerazione il grembiule. Che sia una taglia più grande. Sotto il grembiule il bambino deve stare comodo e, soprattutto, fresco: ricordate che a settembre le temperature potrebbero essere ancora calde, quindi non esagerate con gli strati. Cercate anche di ascoltare i vostri figli. Potrebbero stupirvi nella scelta dell’outfit.

Le scarpe per il primo giorno di scuola

Per il primo giorno potreste optare anche per un paio carino e più elaborato. Invece durante il corso dell’anno, però, vi consigliamo di acquistare un paio di scarpe pratiche da poter indossare tranquillamente a scuola.

Per completare l’outfit non dimenticate di realizzare un’acconciatura adatta al contesto per le bambine: con l’aiuto di un fermacapelli raccogliete i capelli in una coda o, in caso di capelli corti, acquistate una fascia colorata in modo da fermare le ciocche per evitare che vadano sempre a finire sul viso.

Come abituare di nuovo i bambini al ritmo scolastico

Con la fine dell’estate cambia tutto. Niente più mare, giocare fino a tardi, svegliarsi a età mattinata. Con settembre tornano gli impegni e anche per i più piccoli è difficile abituarsi di nuovo a questo ritmo.
E’ importante ritornare agli orari di quando si andava a scuola, almeno una quindicina di giorni prima dell’inizio dei corsi. Così che i bambini non subiscano i traumi della sveglia presto e della messa a letto quando ancora i film non sono finiti. Si potranno abituare gradualmente, che è la cosa migliore.

Durante i giorni feriali, poi, cercate di occupare le loro mattinate come se fossero a scuola: se hanno ancora dei compiti delle vacanze da smaltire, fateli fare a loro in questo momento della giornata, così non sarà difficile riabituarsi a seguire le lezioni nelle ore mattutine. Potete anche proporre loro delle letture, oppure radunare i loro amichetti, così potranno divertirsi un po’ studiando, proprio come fanno in classe.
Il pomeriggio, poi, potranno uscire e andare a giocare come farebbero in una normale giornata di scuola.

Colazione prima di andare a scuola

Scegliamo una colazione sana per il bimbo. Così da aiutarlo quando dovranno concentrarsi in aula: più frutta e verdura, tanto latte e tanta acqua, con spuntino a metà mattina salutare come se fossero a scuola.

Lo sappiamo che durante l’estate l’attenzione ai cibi non è mai così serrata come nel resto dell’anno: meglio non far coincidere un ritorno al sano con il rientro a scuola, perché i bambini potrebbero non gradire l’associazione!
Occhio alla prima colazione! E’ il pasto più importante della giornata, che ci aiuta a ripristinare le riserve energetiche dopo il digiuno notturno. Quando è bilanciata, e un pizzico divertente, fornisce energia e buonumore, quel che ci vuole per affrontare con lo spirito giusto il ritorno a scuola.

I ragazzi che non fanno colazione, infatti, sono più esposti al rischio di sviluppare sovrappeso e obesità infantile. Il perché è presto detto: una colazione scarsa o inesistente porterà il bimbo ad aver fame ben prima dell’ora di pranzo, portandolo a compensare con snack, spesso non molto sani, e con pasti successivi più abbondanti.

Cosa mangiare a colazione prima della scuola

Vitamine, proteine, così come fibre e carboidrati, non dovrebbero mai mancare a colazione. Quali alimenti scegliere per assicurare ai bambini e ai ragazzi il giusto apporto nutritivo? I prodotti per la colazione vanno sempre scelti con cura privilegiando la qualità. Ma vediamo quali sono gli ingredienti che si possono abbinare tra di loro in vari modi per proporre delle colazioni bilanciate, nutrienti e sempre diverse.

Il latte importantissimo per i bambini

Il latte è un alimento importante per i bambini: è una buona fonte di proteine e di calcio altamente assimilabile. Ma quale tipo di latte scegliere? Il latte scremato o parzialmente scremato ha il vantaggio di avere pochi grassi, ma allo stesso tempo ha un apporto nutrizionale ridotto.

Per variarne un po’ il sapore si può aggiungere una punta di cacao amaro in polvere o di orzo solubile, evitando tutti quei prodotti a base di cioccolato che contengono molti zuccheri.

Il tè al posto del latte fa bene?

Se vostro figlio non gradisce il latte, provate a proporgli una bella tazza di tè, ovviamente deteinato. Ci sono alcune varietà di tè, come ad esempio il tè verde, che contengono naturalmente meno teina rispetto al classico tè nero; in ogni caso è meglio aspettare che il bimbo abbia almeno 10 anni per proporre questo tipo di bevanda.

Lo yogurt è un’alternativa?

Lo yogurt intero può essere una buona alternativa al latte, evitando però quelli alla frutta che contengono molto zucchero. Questo fresco alimento può risultare più gradito durante i mesi estivi. Perfetto da arricchire con cereali, frutta secca o frutta fresca; per i più piccoli, invece, potreste tritare della frutta fresca e aggiungerla allo yogurt bianco.

I carboidrati

Importantissimi biscotti, torte, crostate e ciambelle fatte in casa, possibilmente utilizzando farine integrali e sostituendo dove possibile l’olio al burro. Si possono alternare anche cereali, pane e fette biscottate, sempre cercando di prediligere le varietà integrali e scegliendo quelle con meno grassi, zuccheri aggiunti e additivi alimentari.

La frutta

Una buona prima colazione non può non prevedere un frutto di stagione, da consumare intero oppure sotto forma di macedonia, spiedini di frutta, frullati o centrifugati, preferendo sempre le preparazioni casalinghe.