02 Dicembre 2010 |

Fastidiosa ma innocua: la candida in gravidanza

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

La candida, più propriamente denominata candidosi, è un’infezione causata da un piccolissimo fungo del genere Candida; nella gran parte dei casi si tratta di Candida albicans me esistono anche altre specie che possono essere causa del disturbo.


L’infezione da Candida può manifestarsi in diverse zone del corpo, ma qui ci occuperemo della micosi vulvovaginale, che coinvolge cioè la mucosa degli organi genitali femminili più esterni. Si calcola che il 75% delle donne sia stata soggetta a un’infezione da Candida almeno una volta nella vita.

Perché la candida si presenta spesso in gravidanza?

Questo fungo, in piccole quantità, è normalmente presente sui genitali femminili (ma anche nel tratto respiratorio e gastroenterico). In alcune particolari condizioni o in soggetti predisposti, si riproduce maggiormente dando luogo all’infezione. Ciò avviene più facilmente in caso di diabete mellito, di terapie antibiotiche o cortisoniche, specie se prolungate, in tutte le condizioni debilitanti e, appunto, in gravidanza, per i cambiamenti che avvengono a livello della mucosa genitale, che la rendono più soggetta al proliferare della Candida.

Quali sono i sintomi?

i sintomi della candida sono, inizialmente, prurito e leucorrea (perdite biancastre, non maleodoranti), poi anche bruciore e dolore.

Diagnosi dell’infezione da Candida

Di solito il medico o il ginecologo la effettuano in base ai sintomi, ma esiste anche un rapido test che prevede l’osservazione al microscopio del materiale prelevato dalle lesioni.

Un’altra possibilità, meno immediata ma più precisa, è quella di effettuare un esame chiamato TASC, che valuta la presenza di anticorpi specifici nei confronti delle diverse specie di candida.

Infezione da Candida: cure

La cura della candida si effettua, di solito, in prima istanza tramite l’applicazione locale di antimicotici in pomata o ovuli vaginali. In gravidanza sono sconsigliati gli antimicotici per via orale.

La candidosi può danneggiare il feto?

Questo tipo di infezione non nuoce in alcun modo al feto. È comunque importante rivolgersi al medico per una diagnosi certa e una terapia mirata.

Solo al momento del parto, se la madre presenta una candidosi vulvo-vaginale, il bambino potrebbe essere contagiato e sviluppare una candidosi orale (il mughetto), facilmente curabile e relativamente frequente, anche senza contagio materno, nei neonati.

Prevenzione della candida

Si consiglia di utilizzare, per la pulizia della zona genitale, prodotti con pH acido. Tenere la zona asciutta il più possibile (ad esempio evitando di indossare a lungo costumi bagnati), dato che le micosi proliferano in ambiente caldo e umido. Preferire intimo in cotone ed evitare indumenti troppo stretti.

Foto da:
health.ninemsn.com.au
candidacurezone.com
sebestates.com

Potrebbe interessarti anche