21 Gennaio 2019 |

Figli adolescenti e prime delusioni amorose, come aiutarli in questo momento delicato?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

È normale che nel periodo adolescenziale i figli si prendano le prime cotte e ovviamente anche le prime delusioni amorose. Non è facile per loro affrontare questa tipologia di eventi, soprattutto per quanto riguarda la fase della vita che stanno passando, quindi figuriamoci confidarsi con i propri genitori sull’argomento! In questi casi non bisogna intromettersi oppure indagare sulla vita amorosa e sessuale del ragazzo o della ragazza, ma solo stargli vicino.

Come capire se vostro figlio si è preso una cotta

Capire se un ragazzo si è preso una cotta non è difficile, infatti avrà dei comportamenti insoliti e particolari. C’è chi ad esempio improvvisamente non ha più appetito e chi invece non fa altro che svaligiare il frigorifero. Altri invece si nascondo in bagno per telefonare e c’è chi, al contrario, mette in modalità vivavoce la chiamata per mostrare il cambiamento a chi gli sta intorno. Qualunque sia il comportamento di vostro figlio, è importante capire che attivamente o passivamente i genitori saranno coinvolti. Una delle difficoltà maggiori da mamma o da papà è proprio condividere l’amore che un figlio può provare per una persona esterna alla famiglia. Solitamente nasce un pizzico di gelosia e di protezione che conduce il genitore ad essere pessimista nei confronti della storia stessa. Passati i primi comportamenti e pensieri istintivi è necessario però capire che da adesso in poi ci saranno dei limiti nel rapporto con vostro figlio.

Come e quanto intervenire

In questo momento delicato, dove si scopre l’amore e la sessualità per la prima volta, è importante non criticare i comportamenti di vostro figlio né tanto meno schernirli. Se il ragazzo non vuole parlare della sua situazione sentimentale la cosa migliore è lasciarlo stare, senza indagare troppo. Ci sono genitori così apprensivi da frugare nelle cose personali dei figli e da pedinarli nel pomeriggio, ma nessuno di questi comportamenti è indicato se si vuole instaurare un rapporto solido e basato sul rispetto reciproco. Non c’è una risposta assoluta alla domanda “Come e quanto intervenire?”, essa si basa infatti sulla sensibilità del genitore. Solitamente i ragazzi lasciano piccole tracce delle loro cotte, sta quindi a voi saperle cogliere e capire qual’è il momento giusto per parlarne con vostro figlio.

Come aiutarlo a superare le prime delusioni amorose

Le prime delusioni amorose possono essere davvero complesse da superare e sta al genitore far capire al ragazzo che le sconfitte fanno parte della vita. Anche se gli adolescenti possono sembrare fragili, sono abbastanza forti da superare queste piccole difficoltà di percorso. È importante quindi che i genitori si mostrino disponibili al dialogo, ma sta ai figli cavarsela da soli anche in questa situazione. Elaborare una separazione è il primo passo del lungo processo per diventare adulti e loro hanno il diritto di farlo come e quando se la sentono. Tra gli errori più gravi che un genitore può fare c’è proprio quello di sottostimare l’amore che il figlio ha provato, riferendosi a lui con frasi come “Tutto passa!”, “Era solo una cotta tra ragazzini!”, “Puoi sempre trovarti un altro fidanzato/a!”.
Trovare le parole giuste è importante, anzi, decisivo in questa fase. Raccontargli delle vostre delusioni d’amore adolescenziali oppure passare più tempo con lui sono sicuramente comportamenti che vostro figlio apprezzerà.

Potrebbe interessarti anche