19 Novembre 2018 |

Cosa bisogna sapere sull’ingorgo mammario: cause, sintomi e rimedi

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Cosa bisogna sapere sull’ingorgo mammario? Le cause, i sintomi e i rimedi per curarlo sono tanti. Ma di cosa si tratta? L’ingorgo mammario si verifica quando la mamma produce più latte di quanto il piccolo riesce a succhiare. In questa fase, la produzione di latte materno deve adeguarsi alle esigenze di suzione del piccolo. Se si sviluppa l’ingorgo mammario, il seno può diventare turgido, gonfio e dolorante.

Sintomi dell’ingorgo mammario

I sintomi dell’ingorgo mammario sono diversi. In questi casi il seno appare gonfio, arrossato, dolente al tatto e duro. Proprio per questo motivo il bambino può manifestare difficoltà nella suzione e non riuscire ad assumere la giusta quantità di latte. L’attacco al seno, infatti, non è morbido come dovrebbe ed il piccolo fa parecchia fatica ad assumere il latte dal capezzolo. Tutta colpa dell’ingorgo, che non permette la fuoriuscita agevole del latte.


Infine, nei casi più gravi, a volte compare febbre, di solito inferiore a 38° C. Molti di questi sono anche sintomi della mastite, per questo al manifestarsi di essi è necessario rivolgersi al medico per una diagnosi ed una cura puntuali.

Le cause dell’ingorgo mammario

Perchè il seno è gonfio e si manifesta dolore in questi casi? In altre parole, quali sono le cause dell’ingorgo mammario? Come anticipato, la causa principale della formazione dell’ingorgo è una maggiore produzione di latte rispetto a quelle che sono le esigenze del piccolo. Nelle prime settimane, definite “fase della calibrazione”, il seno deve imparare a produrre la giusta quantità di latte; deve, cioè, produrre il latte necessario alle esigenze del bimbo.

Per abituarsi a ciò, però, spesso occorre qualche giorno. E se per più giorni la produzione di latte è superiore al necessario, si possono manifestare i sintomi dell’ingorgo mammario, quindi seno duro e dolore al seno. Infine, l’ingorgo mammario può manifestarsi anche quando si passa da poppate molto frequenti a poppate meno frequenti e nel caso della presenza di una protesi alla mammella. Cosa fare in caso di ingorgo mammario, quindi?

I rimedi possibili

I rimedi per l’ingorgo mammario sono diversi. Anzitutto, è fondamentale fare prevenzione. A questo scopo si consiglia di allattare sin da subito il piccolo al seno e di farlo con frequenza. Se ci si rende conto che l’attacco per il bimbo è particolarmente difficile si consiglia di massaggiare un po’ il seno e far uscire un poco di latte prima di ogni poppata.

Qualora, poi, si opti per l’allattamento artificiale, è necessario tirare il latte prodotto con il tiralatte. Infine, tra i rimedi naturali per l’ingorgo mammario ci sono le spugnature con acqua tiepido-calda prima della poppata, che aiutano a fluidificare il latte. Se con questi rimedi non si riesce a risolvere il problema, si consiglia di consultare il pediatra il prima possibile per una cura più efficace.

Leggi anche:

 

Carmela Giglio

Potrebbe interessarti anche