05 Marzo 2010 |

Nomi per bambini: origine e significato dei nomi maschili

di francesca

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Bambini,Nomi di Battesimo,Classifica Nomi di Battesimo

Prenderemo spunto dalla classifica dei nomi per bambini più usati nel 2009, stilata sulla base delle segnalazioni dei nostri utenti, per illustrare origine e significato di 30 nomi italiani maschili.

Il più quotato fra i nomi per bambini, nel 2009, pare essere Pietro: un nome tradizionale, di origine aramaica (pietra, roccia), la cui diffusione è legata al culo di S. Pietro apostolo.
In seconda posizione ancora un apostolo: Tommaso, la cui incredulità per la Resurrezione di Gesù è divenuta proverbiale. Il significato del nome, che deriva anch’esso da una parola aramaica, è “gemello”.

Segue Lorenzo, uno dei più utilizzati in assoluto fra i nomi di battesimo per bambini negli ultimi anni. Il nome, di origine latina, significa “cittadino di Laurentium”, antica città del Lazio e deve la sua popolarità, tra l’altro, al personaggio maschile de I promessi sposi.
In quarta e quinta posizione, due varianti dello stesso nome: Jacopo e Giacomo, dall’ebraico “Dio ha protetto”. Anche James, in ottava posizione, ne è un’ulteriore variante, inglese.

A seguire, Edoardo , un nome di origine anglosassone, tipico della monarchia inglese, che significa “guardiano dei beni”.

Il primo nome di origine greca lo troviamo al settimo posto: si tratta di Andrea, che si sta diffondendo anche al femminile per influsso straniero. Questo è singolare, se si pensa che, per significato, è uno dei nomi più prettamente maschili: deriva infatti dal greco “andros” che significa uomo, virile.

Seguono il poco usuale Rocco (dal celtico, “di alta statura”), il biblico Samuele (dall’ebraico “il suo nome è Dio”), gli evergreen Roberto (da germanico “illustre per la sua fama”) e Michele (dall’ebraico “chi è come Dio?).

Dal 13° al 17° posto, una serie di nomi particolari, anche se non particolarmente “strani”: Achille, dall’etimologia incerta, famoso per essere il nome del leggendario eroe cantato nell’Odissea di Omero, Michelangelo, composto da Michele (già visto sopra) e Angelo (messaggero di Dio), Jonathan (dall’ebraico “dono del Signore”) e Gianmarco, formato da Gianni (diminutivo di Giovanni, “dono del Signore”) e Marco (“dedicato a Marte”, dio della guerra). Chiude la serie Severino, nome usato, di solito, per tradizione familiare, che deriva dal latino e significa, com’è intuibile, “rigido, severo”.

Chiudono la classifica nomi che potremmo definire nel complesso, più attuali, o più “alla moda”: Mirko (scritto anche Mirco), di origine slava, diminutivo di un nome che significa “pace e gloria”; Leonardo, dal longobardo “forte come un leone”; Matteo e la sua variante Mattia, usato al femminile talvolta, che significano “dono del Signore”; Gabriele, di origine ebraica (“Dio ha mostrato di essere forte”); Giorgio, dal greco, “agricoltore”; Luca, di origine latina ma incerta (forse da “lucanus”, abitante della Lucania o, più affascinante, da “lux”, luce); Federico, dal germanico “potente nella pace”; Giovanni, dall’ebraico “dono del signore”; Gregorio, il più raro di quest’ultima serie di nomi, di origine greca (“essere sveglio”).
Chiudono la classifica tre nomi biblici di origine ebraica, molto diffusi: Davide (“amato, diletto”), Emanuele (“Dio è con noi”), Daniele (“Dio è il mio giudice”).

È opportuno aggiungere ancora un paio di nomi che, stranamente, non compaiono nella nostra classifica ma sono fra i più utilizzati in assoluto:

  • Francesco, dal tedesco con significato di “francese”, molto diffuso per il culto di S. Francesco, patrono d’Italia e fondatore dell’ordine dei Francescani
  • Alessandro, dal greco “che protegge gli uomini”.

Molto apprezzati anche Marco (dal latino “consacrato a “Marte”), Simone (dall’ebraico “Dio ha ascoltato”), Nicola (con le varianti Nicolò o Niccolò, dal greco “vincitore tra il popolo”).