25 febbraio 2014 |

Arisa prima e dopo la trasformazione [FOTO]

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

E dopo Sanremo 2014, la domanda è nata spontanea: ma Arisa si è rifatta o era solo nascosta sotto chili di troppo e un look decisamente fuori luogo?

La risposta è: entrambe le cose.

E non c’è da meravigliarsi.

Avete, infatti, mai sentito parlare (a parte qualche specie in via di estinzione, tipo Patty Smith), di una star che non si tramuti in bellissima donna  se era bruttina ai suoi esordi?

Gli esempi sono praticamente infiniti… E’ la storia dei vip rifatti italiani e non.

Perchè, farsi belle (o ri-farsi belle) è decisamente un fatto normale! Lo è stato anche per Arisa, che oggi ha 31 anni, che quando è apparsa sugli schermi tra la fine del 2008 e i primi del 2009 aveva lasciato davvero perplessi su un look a dir poco, inadeguato. Certo, ironico magari, ma inadeguato!

In realtà, a guardarlo ora, il processo di trasformazione di Arisa, fotogramma per fotogramma, si avrebbe come l’impressione di assistere ad uno di quei film in cui già si sa sin dall’inizio che la bruttarella della classe, alla fine, si trasformerà nella più bella della scuola.

Che sia stata tutta una messa in scena?

Beh, in tempi di Reality-Show, tutto è possibile, ma non esageriamo… Arisa, originariamente Rosalba Pippa, in realtà, si è solo trasformata (e trasformata bene) a causa di quel normale processo di metamorfosi di cui ogni donna (e anche ogni uomo) è capace quando scopre il cigno che è in sè, nascosto sotto una coltre di insicurezze e di cattive abitudini.

Per concludere, vorrei tradurre il pensiero che questo fenomeno di metamorfosi dei vip potrebbe involontariamente indurre nei nostri cervelli: “ecco,  il successo e il denaro rendono tutto più bello; limano i nasi, rifanno il seno, dimagriscono, sgonfiano, allungano, ringiovaniscono…”.
Sì, è vero.

Ma non potrebbe valere anche l’ipotesi esattamente contraria per cui “se ci credi davvero (come ha fatto Arisa sin da sempre) poi diventi bello e di successo?

Meditate gente, meditate.

Potrebbe interessarti anche