27 Giugno 2022 |

Flavio Briatore, biografia, carriera, vita privata, Instagram

di Redazione

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Flavio Briatore, biografia, carriera, vita privata, Instagram

Flavio Briatore, biografia, carriera e vita privata dell’imprenditore del Billionaire. Dove è nato, quanti anni ha, quali sono le sue aziende i successi nella Formula 1. Con chi è stato sposato, figli, come trovarlo su Instagram.

Flavio Briatore

Imprenditore, dirigente d’azienda e dirigente sportivo, ha legato il suo nome al brand di hospitality di lusso “Billionaire Life“, ma è conosciutissimo anche per essere stato team manager in Formula 1, con la scuderia Benetton (poi diventata Renault).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

Flavio Briatore nasce a Verzuolo, in provincia di Cuneo, il 12 aprile del 1950, quindi ha 72 anni. La sua è una famiglia di insegnanti di scuola elementare. Dopo il diploma, inizia a lavorare come agente assicurativo. Si trasferisce a Cuneo nel 1974 e lavora come dirigente per CONAFI, importante filiale della Borsa Italiana.

Intraprende, in contemporanea un progetto immobiliare in Sardegna, “Isola Rossa”. Si tratta di un complesso turistico, che vende un anno dopo a un imprenditore cuneese. È socio fondatore, nel 1975, di Cuneo Leasing, che diventa la più grande società di leasing in Italia (successivamente acquisita dal gruppo De Benedetti).

Due anni dopo viene nominato amministratore delegato di Paramatti, società del settore vernici/rivestimenti: è il più giovane amministratore delegato di un’azienda italiana non di proprietà della famiglia e in Borsa. Flavio Briatore si trasferisce a Milano nel 1979: qui lavora nel gruppo “Finanziaria Generale Italia” e, negli anni milanesi, incontra anche l’imprenditore Luciano Benetton.

La Formula 1

Si trasferisce negli Stati Uniti a metà anni Ottanta e, al fianco di Luciano Benetton, contribuisce attivamente all’espansione del marchio nei mercati statunitensi. Arriviamo così al 1988, anno in cui partecipa alla sua prima gara di Formula 1, al Gran Premio d’Australia. L’anno seguente Benetton lo nomina direttore commerciale del suo team di Formula 1, Benetton Formula (ex Toleman), che ha sede in Inghilterra.

In poco tempo Flavio Briatore diventa amministratore delegato e inizia a trasformare la Benetton Formula in una squadra competitiva. Porta uno stile di gestione innovativo: si concentra sul marketing e sulla comunicazione come elementi chiave per attirare sponsor prestigiosi come partner del team. Ristruttura la squadra con Tom Walkinshaw.

È il 1991 quando si assicura il giovane pilota Michael Schumacher e, intorno a lui, forma il team. Schumacher, nel 1994, vince il campionato piloti: Briatore può stringere un’alleanza strategica con la Renault, che conferisce alla Benetton Formula la competitività aggiuntiva di un motore molto potente per la stagione successiva.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

Un anno dopo il team raggiunge un doppio successo: Michael Schumacher si aggiudica il Campionato Piloti e la squadra Benetton vince il Mondiale Costruttori. Nel frattempo, nel 1993, l’imprenditore ha creato FB Management, un’agenzia di scouting e gestione di giovani piloti di sport motoristici.

È il 1996 quando Briatore acquista anche il team Minardi, vendendolo un anno dopo. Nello stesso anno Schumacher passa alla Ferrari. Nel 1997 Briatore, in accordo con la famiglia Benetton, lascia il team per un suo nuovo progetto di Formula 1: “Supertec”. Si tratta di una società di 200 dipendenti, che diventa principale fornitore di motori per i team di Formula 1.

Nasce Billionaire Club

Arriviamo così alla metà degli anni Novanta, un periodo in cui Flavio Briatore inizia a diversificare i suoi interessi. Acquisisce, nel 1995, l’azienda di scarpe “Kickers” e la rivende poco dopo. Nel 1998 è la volta di Pierrel, piccola azienda farmaceutica italiana: con un piano aziendale dinamico e innovativo, viene ristrutturata e, nel 2006, viene lanciato con successo sul mercato azionario italiano.

Sul finire degli anni Novanta, nel 1998, Flavio Briatore apre il Billionaire Cult, una discoteca in Costa Smeralda. Oggi Majestas (ex Billionaire Life) è una società globale di servizi di lusso. Ne fanno parte i marchi Billionaire, Twiga e Crazy Pizza.

Tornando alla Formula 1, è il 2000 quando Briatore orchestra l’acquisto del team Benetton da parte della Renault. La società francese gli affida la gestione di Renault F1. Due anni dopo diviene amministratore delegato di Renault Sport: ristruttura il team, che conta più di 1.000 persone tra Francia e Regno Unito.

Nel 2000, Briatore orchestra l’acquisto del team Benetton da parte della Renault e la società francese gli affida la gestione di Renault F1. È il 2005 quando il team ottiene un doppio successo: Alonso vince il titolo Piloti e il team conquista il titolo Costruttori. Lo stesso risultato viene replicato nel 2006.

Nel 2005 Flavio Briatore crea la Serie GP2, un campionato per giovani piloti che affianca quello della Formula 1. La vende nel 2010 a CVC, il gruppo che ha già acquistato la Formula 1. Acquisisce nel 2006 con Bernie Ecclestone la squadra di calcio inglese Queens Park Rangers e la vende nel 2011 all’imprenditore malese Tony Fernandez. Briatore diventa nel 2008 direttore commerciale della FOTA, che raccoglie le squadre di Formula 1, su nomina del presidente Luca di Montezemolo.

Locali e progetti di Flavio Briatore nel mondo

In seguito ad alcuni avvenimenti, si allontana dal mondo della Formula 1 e, dal 2011, concentra i suoi interessi su Majestas. Stringe anche una partnership con il gruppo Percassi per lo sviluppo di Billionaire Couture. Billionaire Couture è il brand di moda che ha lanciato nel 2005 (di cui, nel 2016, Philipp Plein acquista una quota di maggioranza).

È il 2012 quando Briatore apre il Cipriani Monte Carlo. Un anno dopo completa il progetto del Billionaire Resort, un complesso di appartamenti di lusso a Malindi, sulla costa del Kenya. Nel 2013 Flavio Briatore porta Majestas verso una nuova direzione. Vende la quota di maggioranza della parte “tempo libero e intrattenimento” al fondo di investimento Bay Capital, con l’obiettivo di rafforzare i marchi, acquisirne di nuovi ed espandersi in Asia e il resto del mondo.

Il gruppo continua a crescere: nel 2014 apre Twiga Monte Carlo, cui seguono nel 2016 Sumosan Twiga a Londra e Billionaire Mansion a Dubai. In collaborazione con LVHM, nel 2017 Briatore aggiunge al portafoglio Majestas la licenza di Cova Montenapoleone. Crea anche un nuovo marchio, Crazy Pizza, che lancia nel 2019, con avamposti strategici a Porto Cervo e Londra. Apre nel 2020 al porto di Monaco Crazy Pizza Monte Carlo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

Billionaire cresce

Il 2020 si chiude con la realizzazione di due progetti: Billionaire Dubai e Billionaire Riyadh. L’anno seguente prepara il percorso a un’espansione mirata dei marchi Majestas: apre nei primi mesi del 2022 un secondo Cova Montecarlo nel Principato, su Avenue Princesse Grace. Seguono alcune aperture strategiche per Crazy Pizza: Roma, Milano, Riyadh e Doha. Nell’autunno 2022 Roma ospiterà anche il nuovo Twiga, sul rooftop dell’Hotel Bernini.

Sempre il 2022 sarà l’anno delle aperture di Billionaire Mykonos e Twiga Doha. Previsto anche il lancio del catering di lusso “Riviera Blue” in Costa Azzurra, in collaborazione con Riccardo Giraudi.

L’avventura di Billionaire Dubai porta a un nuovo progetto: Merex, società di proprietà di Brookfield Asset Management, sceglie il marchio per creare un esclusivo Beach Club come caratteristica principale del loro progetto La Mer. La zona balneare di Dubai diventerà una Marina di lusso, con un progetto che sarà pronto alla fine del 2023.

Altre attività

Flavio Briatore matura anche un’esperienza nel mondo della tv, rivestendo il Boss nel format The Apprentice. È anche autore di un libro, scritto con Carmelo Abbate nel 2017: “Sulla ricchezza”, un saggio sul mondo degli affari e sulla visione imprenditoriale dell’Italia di oggi.

Il 2022 è l’anno del ritorno in Formula 1, come Ambasciatore di lunga data, per supportare il Circus nelle relazioni con promotori e partner e per occuparsi di alcuni aspetti commerciali e di intrattenimento dello sport.

Vita privata di Flavio Briatore

Flavio Briatore è stato sposato dal 1983 al 1987 con l’ex modella e imprenditrice Marcy Schlobohm. Dal 1998 al 2003 è stato legato alla top model Naomi Campbell. Ha avuto un breve legame con la top model tedesca Heidi Klum. Dal loro legame è nata una figlia Hélène Boshoven “Leni”, nel periodo in cui avevano interrotto la relazione.

Nel mese di giugno del 2008 Briatore sposa la showgirl calabrese Elisabetta Gregoraci: dal loro legame nasce, il 18 marzo del 2010, il figlio Nathan Falco. Il 23 dicembre del 2017 la coppia si separa consensualmente.

Su Instagram Flavio Briatore è @briatoreflavio e ha oltre 1 milione e 200mila follower.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)