18 Maggio 2022 |

Claudio Baglioni, biografia, carriera, vita privata, Instagram

di Redazione

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Claudio Baglioni, biografia, carriera, vita privata e dischi di uno dei più grandi cantautori italiani. Nel corso della sua carriera ha firmato alcuni dei successi più amati da ogni generazione. Il suo è un talento senza tempo che, ancora oggi, appassiona i fan di tutte le età. Tutto quello che c’è da sapere: quanti anni ha, dove è nato, chi è la moglie, il profilo Instagram.

Claudio Baglioni

Il suo nome completo è Claudio Enrico Paolo Baglioni, ma tutti lo conoscono semplicemente come Claudio. Cantautore, musicista e conduttore televisivo, inizia la carriera come cantante melodico, ma nel suo percorso artistico si evolve musicalmente.

Claudio Baglioni ha un’estensione vocale di tre ottave. Fino al 2000 erano tre ottave e mezzo. Conosciuto in tutto il mondo, è molto amato anche in Spagna. Ha vinto tantissimi premi in ambito nazionale, lungo una carriera che l’ha visto esibirsi in oltre 2mila concerti.

Vanta il record italiano di spettatori paganti in un singolo concerto in uno stadio: 88.756 per la tappa per 6 giugno 1998 all’Olimpico di Roma.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Claudio Baglioni (@claudiobaglioniofficial)

Biografia e carriera

Claudio Baglioni nasce a Roma il 16 maggio del 1951. È l’unico figlio unico di Riccardo Baglioni, maresciallo dei Carabinieri, e di Silvia Saleppico, sarta. Trascorre l’infanzia nel quartiere di Centocelle e l’adolescenza nel quartiere di Monte Sacro. Frequenta spesso d’estate le campagne dell’Umbria, nel comune di Ficulle, dove sono nati i suoi genitori.

La sua carriera artistica inizia nel 1964. Ha solo 13 anni quando partecipa a un concorso canoro di voci nuove: vince cantando una canzone di Paul Anka e bissa il successo l’anno seguente.

Riceve in regalo la sua prima chitarra nel 1965 e si forma da autodidatta. Prende anche lezioni di pianoforte e, in seguito, suona in un complesso amatoriale, “Les Images”, tentando alcuni esperimenti di “teatro cantato” con una compagnia chiamata Studio 10. La sua prima esibizione in pubblico è datata 1966.

Partecipa nel 1968 al concorso “Fuori la voce” e, nello stesso anno, incontra Antonio Coggio, produttore e pianista che diventerà suo collaboratore. L’anno seguente pubblica il primo singolo, “Una favola blu/Signora Lia” e partecipa a “Un disco per l’estate” e alla sezione Giovani del “Festivalbar”. Presenta le sue canzoni in diversi eventi

Nel 1971 esce “Un cantastorie dei giorni nostri”, ristampa del primo disco dalla RCA. Nello stesso anno, alla Mostra dell’elettronica di Roma, incontra la sua futura moglie e collaboratrice Paola Massari (dalla quale poi divorzierà). Viene invitato al Festival internazionale della canzone di Sopot, in Polonia, dove vince il premio della critica le ‘anno si conclude con una tournée di dieci giorni in Polonia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mediaset Infinity (@mediasetinfinity)

Questo piccolo grande amore

È il 1972 quando esce “Questo piccolo grande amore“, concept album che consacra Claudio Baglioni al successo: vende 900mila copie e rimane primo in classifica per 15 settimane. Il brano viene definito “canzone italiana del secolo” e riceve un premio al Festival di Sanremo.

Un anno dopo, nel 1973, sposa Paola Massari e, subito dopo le nozze, esce un nuovo LP: “Gira che ti rigira amore bello”.  L’anno successivo esce “E tu…”, registrato a Parigi. Dal 1975 al 1978 pubblica altri tre album: “Sabato pomeriggio”, “Solo” (1977) e “E tu come stai?”.

Nel 1975 fonda insieme a Mogol, Paolo Mengoli e Gianni Morandi, la Nazionale italiana cantanti, squadra di calcio da sempre impegnata in attività di solidarietà, con la quale ha collezionato finora otto presenze.

I dischi di Claudio Baglioni

Arriviamo così agli anni Ottanta: è il 1981 quando esce “Strada facendo“, un disco che gli vale il premio come Miglior Cantante dell’Anno al concorso “Vota la voce” e il premio Miglior Cantautore assegnato dall’Associazione Critici Discografici. L’anno successivo Claudio Baglioni inizia una tournée negli stadi che registra il tutto esaurito e supera il milione di spettatori totali: il tour culmina in uno speciale concerto gratuito, che diventa l’album Alé-oó pubblicato nel 1982.

Nel 1985 esce l’album “La vita è adesso”. Seguono diversi tour. L’album seguente arriva nel 1990: è il doppio “Oltre”. Arriviamo così al 1995 e all’album “Io sono qui”. Nello stesso anno Claudio Baglioni fonda ClaB, un’associazione che sostituisce la vecchia fanzine Note di Claudio.

Nel 1996 canta davanti a Papa Giovanni Paolo II “Avrai”, in occasione del Concerto di Natale. Partecipa spesso, in questi anni, a programmi televisivi. Con Fabio Fazio, nel 1997, conduce “Anima mia“, il programma di Rai2 che rivisita gli anni Settanta.

È il 1998 quando la FIGC, in occasione del centenario, gli commissiona un inno: quell’inno è “Da me a te”, che dà il nome anche a un tour. Esce poi nel 1999 “Viaggiatore sulla coda del tempo”.

Gli anni Duemila

È il 3 novembre del 2003 quanto il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi lo nomina Commendatore della Repubblica. Intanto esce un altro disco in studio, “Sono io, l’uomo della storia accanto”, premiato con il Premio Lunezia per i testi. L’anno seguente Claudio Baglioni si laurea in Architettura all’Università di Roma “La Sapienza”. Sostiene poi l’esame di Stato, diventando architetto.

Il 2005 vede un nuovo disco doppio e live, “Crescendo e cercando“, oltre a un cofanetto omonimo con triplo DVD. Bompiani pubblica il libro “Senza musica. Scritti dal 1974”. Esce anche “Tutti qui – Collezione dal 1967 al 2005”. Einaudi pubblica “Parole e canzoni” (curato da Vincenzo Mollica), libro che traccia un profilo dell’artista grazie anche ai contributi di Roberto Cotroneo, Ennio Morricone, Giuseppe Tornatore e Walter Veltroni e presenta tutti i testi delle sue canzoni in una pubblicazione.

Seguono ulteriori raccolte e dischi. Nel novembre 2008 Claudio Baglioni intraprende il tour QPGA, acronimo di “Questo piccolo grande amore” in cui ripropone l’intero disco dal vivo con nuovi arrangiamenti, seguito dall’uscita di un CD (contenente anche inediti e brani scartati dal disco) e di un film.  Subito dopo l’uscita del film viene dato alle stampe il libro QPGA, primo romanzo scritto dal cantautore.

Tour, album e “Capitani Coraggiosi”

Seguono altre tournée, Gran Concerto e ConcertOpera (quest’ultimo preceduto dall’inedito Niente più). Nel 2009 partecipa alla registrazione del singolo Domani 21/04.2009 voluto da Jovanotti e dai Negramaro per sostenere la ricostruzione dell’Aquila a seguito del terremoto.

Dal 2 al 4 giugno 2011 organizza, tramite la Fondazione O’ Scià e insieme alla Nazionale italiana cantanti, la manifestazione “Lampedusa Sùsiti“. Sempre a Lampedusa è già stato anche ideatore della rassegna musicale O’ Scià.

A trent’anni dalla prima pubblicazione esce un cofanetto speciale in 3 CD dal titolo Strada facendo: 30º anniversario. Il cantante annuncia anche il progetto “ConVoi”, il cui omonimo album esce il 22 ottobre del 2013. Nel febbraio del 2014 è ospite del Festival di Sanremo.

Parte nel 2015 la collaborazione “Capitani Coraggiosi” con Gianni Morandi, che si sviluppa in uno show televisivo, una tournée per l’Italia, una trasmissione radiofonica e un disco. Esce nel 2017 “50 al centro”, raccolta in 4 dischi per festeggiare i 50 anni di carriera di Claudio Baglioni, cui segue un grande tour.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Claudio Baglioni (@claudiobaglioniofficial)

Claudio Baglioni a Sanremo

Claudio Baglioni è anche conduttore e direttore artistico di Sanremo, nel 2018 e nel 2019. Una piccola curiosità: non ha mai partecipato al Festival come concorrente in gara.

Chiusa l’esperienza sanremese, torna a dedicarsi totalmente alla musica con il singolo “Gli anni più belli”, colonna sonora dell’omonimo film. Nel 2020 esce il nuovo album di inediti dal titolo “In questa storia che è la mia“.

A dicembre del 2021 presenta su Canale 5 “Uà – Uomo di varie età”, uno show televisivo che lo vede mattatore al fianco di 60 grandi nomi del mondo della musica, dello spettacolo, del cinema e del teatro italiano. Lo show precede la partenza del tour piano e voce di 71 date nei teatri, Dodici Note Solo.

Nel 2022, in occasione del suo 71esimo compleanno, Claudio Baglioni annuncia una nuova serie di concerti: nuove date live a partire da ottobre. “Dodici note solo bis” vedrà nuovamente Baglioni, voce, pianoforte e altri strumenti, con le composizioni più preziose del suo repertorio, sui palcoscenici dei teatri lirici e di tradizione più prestigiosi del Belpaese.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Claudio Baglioni (@claudiobaglioniofficial)

Vita privata e Instagram di Claudio Baglioni

Claudio Baglioni è stato sposato con Paola Massari, dalla quale ha divorziato. Nel 1987 incontra per la prima volta Rossella Barattolo, ma inizialmente il loro rapporto è solo lavorativo. Nel 2008 la loro storia viene resa pubblica e oggi Rossella Barattolo è ancora la sua compagna.

Dal matrimonio con Paola Massari nasce, il 19 maggio del 1982, Giovanni. Proprio al figlio il cantante ha dedicato la canzone “Avrai”, registrata in soli due giorni a Londra.

«Diventare padre mi ha fatto riscoprire le cose belle della vita e il fatto che dopo tanti anni sia ritornato ad esibirmi su un palcoscenico è dipeso in gran parte da questo. Ho sentito l’esigenza di rituffarmi in mezzo al mio pubblico per regalargli la mia musica, la mia felicità, il mio modo di essere musicista».

Su Instagram Claudio Baglioni è @claudiobaglioniofficial. Il suo profilo ha oltre 274mila follower: condivide (foto e video) che riguardano la sua carriera e i suoi progetti professionali.