22 settembre 2011 |

Come congelare i fagiolini freschi

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
come congelare i fagiolini

Scopriamo insieme come congelare i fagiolini e come gustare al meglio questo prezioso ingrediente, che si presta a diverse preparazioni in cucina.

Sapete come congelare i fagiolini freschi in modo perfetto per averli sempre di scorta nel freezer? I fagiolini sono un’ottima verdura che si produce prevalentemente in estate. Questa loro peculiarità ci induce a doverli congelare se vogliamo mangiarli tutto l’anno come fossero appena colti. Ecco perchè, pulirli e surgelarli risulta una valida alternativa per vincere sulla loro stagionalità.

Cosa serve per congelare i fagiolini:

  • Coltello a lama seghettata
  • Sacchetti per il gelo
  • Amuchina o bicarbonato

INDICE

Congelare i fagiolini crudi
Congelare i fagiolini cotti
Come scongelare i fagiolini
Come cucinare i fagiolini congelati da crudi
Come conservare i fagiolini al naturale

Congelare i fagiolini crudi

Congelare i fagiolini crudi è molto semplice e richiede soltanto poche mosse.

  1. Immergere i fagiolini ancora integri in acqua fresca in cui si è aggiunta un po’ di amuchina o bicarbonato, quindi:
  2. lasciare in immersione 10 minuti
  3. estrarre dall’acqua e asciugare bene con un panno di cotone
  4. mondare le due estremità, inferiore e superiore, con un coltello a lama seghettata o forbici da cucina
  5. accertarsi che siano perfettamente asciutti
  6. inserirli nei sacchetti gelo
  7. richiudere con l’apposito nastrino e inserire le bustine in ghiacciaia/freezer.

N.B. È molto importante asciugare i fagiolini quanto più possibile perchè i cristalli di ghiaccio nella bustina rovinano il prodotto.

fagiolini surgelare

Congelare i fagiolini cotti

È utile sapere che si possono congelare i fagiolini già cotti e averli a portata di mano pronti per essere consumati a piacere. Per procedere con questa operazione basterà:

  1. lessare i fagiolini mondati, come nella spiegazione precedente, in abbondante acqua salata
  2. quando sono cotti al punto giusto scolarli dalla loro acqua di cottura
  3. metterli in una coppa di terra cotta o plastica e coprirli per non farli ossidare
  4. attendere un paio d’ore perchè si raffreddino
  5. inserirli nei sacchetti per il gelo e chiudere con il nastrino adatto
  6. introdurli in freezer.

 

Come scongelare i fagiolini

Quando volete gustare la verdura che avete surgelato, non dovrete fare altro che estrarli dal freezer e lasciarli scongelare. Come scongelare i fagiolini in maniera corretta? Sono due i metodi più indicati:

  • metterli dentro il frigorifero e lasciarli scongelare in modo graduale; il processo di scongelamento potrebbe durare anche due giorni;
  • usare il forno a microonde utilizzando il programma specifico dell’elettrodomestico; i tempi di scongelamento dei fagiolini si riducono nettamente, arrivando a qualche minuto.

 

Come cucinare i fagiolini congelati da crudi

Ora, come cucinare i fagiolini congelati crudi? In tutti i modi che preferite! Sono numerose le ricette con i fagiolini congelati, dai primi ai contorni. Ecco qualche spunto per preparare ricette sfiziose con i fagiolini congelati.

La ricetta dei fagiolini al tonno

Ingredienti:

  • 450 gr di fagiolini surgelati
  • 100 gr di tonno sott’olio
  • 3 acciughe
  • 1 limone
  • olio d’oliva
  • sale

Procedimento:

Se non avete già cotto i fagiolini prima di congelarli, puliteli e cuoceteli in acqua salata. Poi scolateli e metteteli in un’insalatiera. A questo punto, unite il tonno sgocciolato e sbriciolato e le acciughe pulite, diliscate e tritate. Condite con olio e succo di limone e servite come contorno o piatto unico.

Ricetta trofie al pesto, patate e fagiolini

Ingredienti:

  • 350 gr di trofie
  • 200 gr di fagiolini
  • 250 gr  di patate
  • pesto alla genovese

Procedimento:

Prendete una pentola e mettetela sul fuoco con all’interno abbondante acqua salata. Pulite e tagliate le patate a cubetti e mettetele a cuocere nell’acqua. Se i fagiolini sono ancora surgelati aggiungeteli nella pentola dopo averli tagliati a pezzetti, se invece sono già scongelati, metteteli alla fine della preparazione. Buttate la pasta nell’acqua in ebollizione e cuocetela seguendo i tempi espressi sulla confezione. Una volta cotte le trofie, scolatele e mettetele in una ciotola, aggiungendo il pesto alla genovese fatto in casa o acquistato già pronto. Abbiate cura di tenere un po’ di acqua di cottura per amalgamare bene la pasta e ed evitare che sia troppo asciutta.

fagiolini a pezzi

 

Ricetta frittata di fagiolini, piselli e fave

Ingredienti:

  • 200 gr di fave da pulire
  • 200 gr di pisellini da pulire
  • 200 gr di fagiolini
  • 5 uova
  • 40 gr di pecorino da grattugiare
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.
  • brodo vegetale q.b.

Procedimento:

Iniziate pulendo le fave e i pisellini, poi procedete alla preparazione della frittata. Prendete una padella antiaderente, versate un filo d’olio e aggiungete uno spicchio d’aglio sbucciato per insaporire fino a quando sarà imbiondito. Ora toglietelo dalla padella e unite i piselli. Fateli cuocere per 5-6 minuti, aggiungendo del brodo vegetale. Trascorsi 5-6 minuti, aggiungete le fave e lasciate cuocere per altri 5 minuti, salando e pepando a piacere. Versate ancora un po’ di brodo per aiutare la cottura. Unite anche i fagiolini e salate nuovamente, cuocendo per altri 10 minuti, fino a quando i legumi si saranno ammorbiditi.

Intanto rompete le uova in una ciotola e sbattetele, insaporite con il sale e il pepe a piacere e aggiungete il pecorino grattugiato; amalgamate il tutto con un cucchiaio o una spatola. A cottura ultimata, lasciate intiepidire i legumi, versateli nel composto di uova e mescolate bene. Trasferite il tutto in una padella antiaderente preriscaldata. Coprite con un coperchio e fate cuocere la frittata a fuoco basso per 6 minuti, girate poi la frittata ciutandovi con il coperchio, capovolgendola e facendola scivolare di nuovo nella padella; fatela cuocere sull’altro lato per altri 3 minuti senza coperchio. Una volta raggiunta una consistenza morbida e compatta, la frittata ai fagiolini, piselli e fave sarà pronta per essere servita e gustata tiepida, fredda, tagliata a cubetti o come farcitura di un panino.

 

Come conservare i fagiolini al naturale

Sapete come conservare i fagiolini al naturale al meglio per preservare le loro proprietà e il loro aspetto verde? Ecco qualche consiglio utile:

  1. Lavate e spuntate i fagiolini
  2. Lessateli in acqua salata per massimo 5 minuti
  3. Scolateli e passateli sotto il getto di acqua fresca
  4. Lasciateli asciugare sparsi su un canovaccio
  5. A parte preparate una salamoia: fate bollire dell’acqua con 20 gr di sale per ogni litro per qualche minuto, spegnete il fuoco e lasciatela raffreddare.
  6. Sistemate in vasi a chiusura ermetica i fagiolini senza romperli e copriteli con la salamoia fredda.
  7. Lasciate 2 cm di vaso vuoto e poi tappate.
  8. Avvolgete i vasetti in canovacci e metteteli in un recipiente per la bollitura.
  9. Riempite di acqua la pentola con i vasetti e mettetela sul fuoco, portando a bollore; dal primo bollore calcolate circa un’ora e mezza di sterilizzazione.
  10. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare l’acqua di cottura, poi togliete i vasi, asciugateli e riponeteli in luogo fresco e asciutto. I fagiolini in barattolo si conservano per circa un anno.

Claudia S.

Potrebbe interessarti anche