14 maggio 2014 |

Come cuocere al cartoccio

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

La cottura al cartoccio è un metodo di cottura che ha la virtù di unire gli aspetti positivi della cottura al vapore e della cottura al forno. Praticamente priva di grassi, poiché non ha bisogno dell’aggiunta di olio o burro, la cottura al cartoccio è molto indicata per chi sta seguendo una dieta ipolipidica e  ipocalorica. Inoltre, la cottura al cartoccio è veloce e semplice da realizzare, quindi è adatta anche a chi ha poco tempo oppure non è esattamente uno chef in cucina!

I materiali più usati per la cottura al cartoccio sono la carta da forno e l’alluminio, ma potete utilizzare anche foglie di banano, cavolo, vite e fico, per un effetto scenografico decisamente notevole. Tre sono le modalità di cottura al cartoccio: vediamo quali sono.

Cottura al cartoccio a fagotto

Questa tipologia di cottura è indicata per la cottura di pasta, tranci o filetti di pesce, comunque di alimenti di piccole dimensioni. Ritagliate in quadrato di carta da forno grande abbastanza da contenere la vostra pietanza. Chiudete a fagotto con uno spago, annodando per bene, e mettete in forno.

Cottura a cartoccio a pacchetto

E’ la modalità più semplice ed è utile per cuocere pesci interi, come l’orata. Ritagliate un rettangolo di carta da forno che contenga tutto il pesce, ripiegate all’estremità la carta in eccesso, passate lo spago da cucina tutto intorno al vostro “pacchetto” e annodate.

Cottura al cartoccio a quadrato

Questa modalità di cottura al cartoccio non necessita di spago da cucina ed è indicata per cuocere alimenti di grandi dimensioni; ritagliate due quadrati di carta da forno, grandi abbastanza da contenere la pietanza. Ponete l’alimento al centro di uno dei due fogli, sovrapponete il secondo figlio, e chiudete gli angoli del cartoccio, ripiegando più volte  la carta verso l’interno.

Potrebbe interessarti anche