29 dicembre 2017 |

Come usare la santoreggia in cucina, ecco le ricette più buone

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Santoreggia, ecco le ricette più buone con protagonista questa pianta aromatica. Diffusa sia in campagna che in montagna, la santoreggia si presta alla preparazione di piatti semplici ma intensi: vediamo 3 ricette gustose.

La santoreggia è una pianta aromatica mediterranea, con foglie appuntite e di colore grigio verde, presente sia in campagna che in montagna; la prima cresce in estate, mentre la seconda, più robusta, è una pianta perenne. Ha bellissimi fiori in colori delicati, bianchi o rosa, dall’odore intenso e aromatico. Questa caratteristica la rende una pianta perfetta per allontanare insetti che non ne amano l’odore, come le zanzare, e viene comunemente assimilata alla salvia e al timo. La santoreggia viene utilizzata per creare oli essenziali, come avviene per tutte le piante officinali simili, ma si usa anche per preparare ottimi piatti: vediamo le ricette più buone con la santoreggia!

Santoreggia in cucina: le ricette

Insalata di santoreggia

Ingredienti

  • santoreggia fresca
  • 250 g di ceci lessati
  • 250 g di fagioli lessati
  • 50 g di olive
  • 1 pomodoro
  • olio, sale, pepe e succo di limone q.b.

Preparazione

  1. lessate i legumi
  2. lavate la santoreggia e tagliate a cubetti il pomodoro
  3. preparate una emulsione di olio, sale, pepe e succo di limone
  4. pulire con cura la santoreggia, eliminando le parti più dure
  5. in una ciotola unite insieme i legumi, il pomodoro, la santoreggia e le olive denocciolate
  6. condite con l’emulsione preparata

Pesto di santoreggia

Ingredienti

  • un mazzetto di santoreggia fresca
  • 1 spicchio d’aglio
  • 80 g di olio evo
  • 100 g di formaggio grattugiato
  • 20 g di pinoli
  • sale fino e pepe nero q.b.

Preparazione

  1. pulite con cura la santoreggia eliminando le parti più dure e legnose
  2. unite tutti gli ingredienti in un minipimer e frullateli fino a ottenere un composto cremoso
  3. se invece preferite preparare il pesto di santoreggia utilizzando il metodo di pestatura classico, potete utilizzare il mortaio

Liquore di santoreggia

Ingredienti

  • 10 g di santoreggia di montagna
  • 5 g di menta piperita in foglie
  • un rametto di rosmarino
  • 10 g di foglie di basilico
  • 10 acini di uva passa
  • 400 ml di alcol a 95°
  • 400 ml di acqua
  • 300 g di zucchero

Preparazione

  1. pulite con cura tutte le foglie aromatiche e tritatele al coltello
  2. in un contenitore ermetico, versate l’alcol e le foglioline tritate
  3. lasciate riposare per 21 giorni, agitando di tanto in tanto il contenitore
  4. giunti al ventunesimo giorno, preparate un composto di acqua e zucchero, lasciando scaldare l’acqua sul fuoco e poi aggiungendo lo zucchero
  5. quando lo sciroppo sarà freddo, aggiungetelo al composto di erbe e alcol
  6. lasciate in infusione altri 15 giorni circa, poi filtrate il liquido e imbottigliatelo

Potrebbe interessarti anche