04 Agosto 2012 |

Cibi afrodisiaci, quali sono e perché funzionano?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Vuoi prendere un uomo per la gola? Prova con i cibi afrodisiaci! Ma questi alimenti che stimolano la libido esistono davvero o si tratta più semplicemente di un mito? Partiamo da qualche cenno storico. Il termine “afrodisiaco” deriva dal mito di Afrodite, la dea greca dell’amore che, secondo il mito, uscì dal mare dentro un’ostrica, non a caso uno dei cibi definiti afrodisiaci per eccellenza. Le antiche culture che credevano nel mito della fertilità, erano molto legate al connubio tra cibo e sessualità, non a caso anche nella cultura greca anche comuni alimenti, come cipolle, uova, pesce e tartufi, venivano consumati anche per potenziare lo stimolo sessuale, mentre gli antichi romani cominciarono persino a portare in tavola genitali di animali.

Ma i cibi afrodisiaci funzionano davvero? Ni! E’ vero che esistono cibi che contengono sostanze che aiutano a risvegliare il desiderio, grazie a principi stimolanti ed euforizzanti, ma se non c’è coinvolgimento tra i partner, nulla funziona. Ti interessa? Scopri quali cibi puoi portare in tavola per stimolare sessualmente il tuo compagno.

Merita un posto d’eccezione lo zenzero, che oltre ad essere una spezia con varie virtù salutari, secondo le culture orientali è una sorta di Viagra naturale. Sì al peperoncino che contiene capsaicina, una sostanza chimica che stimola le terminazioni nervose e aumenta l’impulso, e al basilico che stimola il desiderio sessuale e aumenta la fertilità. Il cioccolato fa bene all’umore ed eccita, così come le mandorle ricche di vitamina E. Per cena, dunque, un  dolce preparato con farina di mandole e cioccolata potrebbe dare un risvolto molto interessante alla serata, che ne dite?

Anche l’avocado, ricco di vitamina B6 aumenta la produzione di ormoni maschili ed essendo ricco di potassio, come le banane, contribuisce a regolare il funzionamento della tiroide femminile. Un piatto di ostriche, probabilmente anche per l’associazione con la dea dell’amore, rappresentano la pietanza più afrodisiaca per eccellenza: le ostriche sono ricche di zinco, un minerale fondamentale per la produzione di testosterone. Il pasto si conclude con un buon caffè, che è stimolante ed eccitante a patto però che non se ne faccia abuso. E in frigo? Fragole, lamponi e fichi sempre a portata di mano.