18 marzo 2014 |

Come capire se ti tradisce

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Scoprire se il partner ci tradisce o ci ha tradito è “un’attività” molto complessa in cui possono esserci d’aiuto l’intuito, l’esperienza o anche una buona agenzia investigativa! E’ proprio dai loro studi e dalle tante esperienze dirette, che apprendiamo che esistono regole e indizi che possono aiutarci in tale scoperta.

La prima vera regola nel cercare di portare alla luce un tradimento è chiedersi se davvero si vuole sapere questa verità . Se la risposta è sì e siamo pronte a tutto (ma proprio tutto) allora possiamo procedere con l’individuazione delle prove! Se la risposta è “Nì”, allora sarà meglio non intraprendere questa strada, perchè potrebbero mancare le forze per affrontare la situazione, con il risultato di alimentare il fenomeno, addirittura giustificandolo o rimuovendolo.

Il primo allarme di un potenziale tradimento è dato da un cambiamento improvviso del comportamento. I partner che naturalmente sono assorti nelle loro faccende, possono diventare particolarmente attenti e premurosi, dal momento in cui iniziano ad avere interesse per qualcun’altro. In questo caso, diventano però aggressivi e nevrotici quando gli si rivolgono domande specifiche su orari di lavoro, frequentazioni e, soprattutto, sentimenti verso di noi. Da considerare che a volte è l’ossessività con cui si rivolgono alcune domande che alimenta stizza e agitazione.

I partner che sono normalmente accorti e premurosi, possono diventare, al contrario, improvvisamente sbadati e assorti in altri pensieri, come fossero in una specie di estasi, mascherata da fissità espressiva. In questo caso, potrebbero manifestare esigenze improvvise di fare passeggiate, di scrivere messaggini e chattare più del solito. In entrambi i casi, si noterà un aumento dell’attenzione che hanno verso se stessi (dal look alla cura fisica) e una diminuzione di quella verso il rapporto, i figli e tutto ciò che riguarda la coppia.

C’è da aggiungere che quando si tratta di scoprire un tradimento, è molto importante individuare dei sintomi inequivocabili di cambiamento comportamentale. Se perciò il partner è una persona normalmente umorale, sarà difficile considerare tali cambiamenti come un indizio certo. Meglio andare sulle prove concrete. E quali sono? Soprattutto  dimenticanze e sbadataggini che, chi tradisce, prima o poi commette:

  1. Al primo posto ci sono gli sms, le chiamate effettuate dal cellulare e dal fisso e le attività su Facebook
  2. Seguono alcune tracce stile vecchia maniera quali capelli di donna e oggetti dimenticati in macchina. Se si possiede una sola casa, il controllo si deve effettuare sui divani, in bagno, passando in rassegna anche le tasche dei pantaloni o i colletti delle camicie. Se si ha una seconda casa, al mare o in campagna, sarà obbligatorio dare una sbirciatina anche lì
  3. Al terzo posto ci sono gli acquisti e le carte di credito. Se si hanno conti separati sarà più difficile ma non impossibile scoprire le spese ingiustificate

Premesso tutto ciò, si deve aggiungere però che il tradimento non presenta solo un lato negativo, ma anche un risvolto positivo sulla coppia. Marilyn Monroe, per esempio, diceva che “i mariti non sono mai amanti così meravigliosi come quando stanno tradendo la moglie”. Beh, il senso è chiaro: evadere dalla coppia può portare benefici alla coppia stessa. Potranno anche essere rari i casi in cui capita, ma a volte può servire un tradimento per riscoprire la vecchia passione di un tempo. In questo caso l’indizio migliore dell’esistenza di un tradimento è il ritorno della pace! Come può accadere questo miracolo? Basta non lasciarsi ossessionare troppo dall’idea di essere traditi perchè, se anche dovesse avvenire (avviene sempre più spesso), non sarà quello il vero motivo della fine o della tragedia, ma potrebbe essere l’inizio di una nuova e più variegata vita. Difficile da mettere in atto ma, in effetti, si tratta solo di un altro punto di vista!

Potrebbe interessarti anche