12 Luglio 2013 |

Incontri e tradimenti estivi: quando le vacanze mandano in fumo la coppia

di francesca

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Coppia al Mare

Durante la vacanza solitamente il corpo e la mente sono più rilasciati, ci si lascia andare più facilmente per conseguente riduzione del livello abituale di vigilanza, così che anche i sensi vengono più stimolati. D’altra parte aumentano pure le occasioni di incontri con l’altro sesso. Infine rilassati, liberi e anche lontani da casa diventa difficile rassicurare i genitori (per i minorenni) o i propri partner quando una cornice ambientale accattivante favorisce incontri clandestini, tentazioni, cedimenti e facili avventure con sconosciuti.

Di fronte a situazioni impreviste saltano i tabù tradizionali e pure il timido può diventare intraprendente, sottovalutando persino le conseguenze di rapporti a rischio. Infedeltà, tentazioni, cedimenti e gelosie possono rendere problematiche le relazioni: si formano coppie nuove e coppie consolidate rischiano persino la separazione. E’ ciò che comunemente può capitare anche durante una vacanza, più frequentemente, estiva.

Nelle situazioni vacanziere, dove i limiti del proibito tendono ad allentarsi, chi solitamente fa le spese del rischio è sempre la parte più debole, la persona (maschio o femmina che sia) che possiede meno competenze sociali per proteggersi e difendere i propri diritti. Nonostante la superficiale disinibizione, favorita dall’ambiente, la persona dotata di basse abilità sociali porta in vacanza pure le sue disabilità per cui in svariate situazioni interpersonali con l’altro sesso soccombe, non difende i suoi diritti, pensa che l’altro abbia maggiori diritti di sé, e subisce, suo malgrado, ciò che il partner occasionale propone: dalla richiesta sessuale sgradita, alla sottomissione acritica, al ricatto sessuale, all’abuso, fino ad accondiscendere a subire supinamente rapporti sessuali senza protezione né precauzioni, rischiando traumi importanti, malattie sessualmente trasmesse o gravidanze indesiderate. Tutto ciò perché il disabile sociale si sente in colpa nel dire di no quando non vuole.

Spesso la vacanza diventa la tomba della coppia quando i membri staccano dalla routine lavorativa quotidiana e si gettano nell’ambiente nuovo e senza confini della vacanza cullandosi con aspettative troppo elevate che, se non soddisfatte da entrambi, portano alla frustrazione, alla delusione e alla fine della relazione. Questa solitamente viene accelerata quando, in continua battuta quotidiana di variegati stimoli sessuali, attivi per entrambi i sessi e disinibitamente trasmessi, si alimenta la gelosia di chi, meno recettivo alle stimolazioni esterne, ha investito di più nel proprio partner e vuole “goderselo“, egoisticamente, almeno per tutta la vacanza, come fosse una proprietà esclusiva.

Infine durante la vacanza si rischia di slatentizzare il mito della relazione esclusivamente monogama e del ‘dovere’ di confessare al proprio partner fisso eventuali avventure sessuali, fugaci o impegnative che siano. Secondo i sessuologi vari sono i motivi personali per cui molti rimangono coinvolti in avventure, storie o relazioni di tipo extraconiugale, non sempre a causa del proprio partner abituale e non sempre per movente morboso, comunque esse rientrano nella complessità della natura umana e del suo substrato biologico, quale ribellione alla stabilità e alla monotonia, come normale bisogno di evasione. A volte i rapporti fuori dalla coppia consolidata possono migliorare alcune relazioni, non portare alcun cambiamento in altri, oppure essere del tutto deleteri. Tuttavia se anche una scappatella vacanziera procura dei veri sensi di colpa, dal momento che non è certo che l’eventuale confessione potrà sicuramente avere la comprensione del partner, è consigliabile confessare tutto (se il bisogno è proprio impellente) a qualcuno che, per lo meno, sappia mantenere il segreto, forse, non necessariamente al proprio partner.

Professor Paolo Zucconi, psicoterapeuta e sessuologo clinico comportamentale, psicologo legale a Udine