12 Agosto 2019 |

Agosto amore mio non ti conosco: come superare un tradimento estivo

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Tradimento estivo, gli uomini tradiscono il doppio in estate

In estate saltano tutte le regole e i ragazzi si sentono più disposti all’avventura di una notte

L’estate è la stagione del mare, del sole e dei tradimenti: è questo il periodo dell’anno in cui le persone hanno maggiori probabilità di tradire. E i ragazzi sono propensi al tradire il doppio rispetto alle ragazze.

Perché gli uomini tradiscono di più in estate

L’estate è la stagione della vita all’aria aperta, delle serate con gli amici senza orario, dell’avventura: ovvero saltano tutte le regole. E per gli uomini è semplice mettere da parte la partner e inseguire il sogno della libertà senza vincoli. E si comportano come se la loro relazione entrasse in pausa.

Aggiungi che in estate ci si vede più spesso con moltissime persone per cene all’aperto, feste in piscina o in spiaggia e che l’umore è al top. Non dimentichiamoci poi che in estate siamo tutti più propensi a fare amicizia più facilmente.

I segni che lui sta per iniziare una tresca

Prima di scoprire come superare un tradimento estivo proviamo a prevenirlo. Ci sono segnali abbastanza chiari sul fatto che il partner sia con la testa, diciamo così, altrove:

Non ti invita a un evento a cui partecipano i suoi amici; magari proprio per non far sapere in giro che è già in coppia.

Si guarda un po’ troppo in giro e incrocia spesso lo sguardo di belle sconosciute.

Vuole andare in vacanza da solo con i suoi amici e non compensa con del tempo per voi. Potrebbe effettivamente voler passare del tempo con i suoi amici ma potrebbe volere anche campo libero in un altra città.

Ma se c’è un segnale inequivocabile di una preparazione al tradimento questo è dato dall’improvvisa smania di cura per il suo corpo: e si fa la barba due volte al giorno e inizia a fare addominali e dorsali, insomma si pavoneggia.

Ecco, chiedi subito se è felice nella relazione o se si annoia, magari si apre e ti parla a cuore aperto dei suoi desideri e delle sue speranze.

Come reagire ad un tradimento estivo

I segnali di un tradimento sono evidenti e messo sotto pressione, a volte è il partner stesso a confessarlo. Cosa fare in questi casi? Come comportarsi se si vuole salvare la relazione?

Reagire ad un tradimento estivo è difficile, o meglio, è difficilissimo farlo nel modo giusto. Ovviamente ognuno ha il suo modo di fare: c’è chi non riesce a contenere la rabbia ed esplode e chi, invece, resta in silenzio.

In realtà in questi casi, oltre la reazione iniziale di rabbia, delusione e frustrazione, si dovrebbe capire la psicologia che c’è dietro il tradimento del partner. 

Prova a farti queste domande prima di decidere se mollarlo o meno:

E’ stata la scappatella di una volta o c’è altro?

Ovviamente è più difficile ricucire il rapporto se lui si è andato a infilare in una nuova relazione, ovvero si è innamorato. Molto più facile perdonarlo se si è trattato della scappatella di una notte.

Ha fatto sesso o ha semplicemente fatto casino?

Ha fatto davvero sesso oppure si è solo lasciato andare più del dovuto? Non sono sfumature ma fatti essenziali.

E’ consapevole del fatto che tu voglia vivere una coppia monogama?

Forse state insieme da poco tempo o non ne avete mai parlato, ma magari lui non è consapevole del fatto che tu desideri vicere una relazione monogama.

Si è reso conto che il suo tradimento ti ha ferita profondamente?

Devi essere assolutamente sicura che abbia capito bene quanto ti ha ferita. Cerca di capire se prova dolore e pentimento per quel che ha fatto e per quello che ti sta costringendo a passare.

È disposto a riconquistare la tua fiducia?

Se conferma che non accadrà mai più, che non vuole perderti e farà di tutto per riguadagnare la tua fiducia merita certamente il tuo perdono. Ma se sminuisce i suoi tradimenti o non vuole discuterne, è un brutto segno.

La relazione con lui fino a oggi è stata soddisfacente? 

Se vi divertite, se sei sicura che ti rispetta, se sai che è una brava persona e che ha commesso un solo errore con te, allora potrebbe valere la pena perdonarlo. Se, al contrario, avete sempre avuto problemi o se sei sicura che già ti ha tradito altre volte, riconsidera la tua relazione.

I sensi di colpa del tradito e qualche volta del traditore

Dopo la reazione iniziale di grande frustrazione e dolore, molte persone cominciano a sentirsi in colpa per il tradimento estivo subìto.

Potrebbe sembrare assurdo perché, in realtà, dovrebbe sentirsi in colpa chi ha tradito, invece spesso, soprattutto le persone insicure e con scarsa autostima, tendono ad attribuirsi le responsabilità del tradimento del partner.

Insomma, ci si addossa delle colpe e si pensa che se l’altro ha tradito è perché – in qualche modo – non siamo stati all’altezza delle sue aspettative.

Tuttavia non c’è niente di più sbagliato: non ci si deve addossare la colpa di un tradimento altrui. Forse c’è qualcosa che non va nella coppia, ma questo non dipende esclusivamente da noi: le colpe si dividono al 50 percento.

Non negare il tradimento

Un’altra reazione molto comune è quella di negare il tradimento estivo del partner, cioè di negarlo a sé stessi. Anche questo è un atteggiamento sbagliato e controproducente: negare l’accaduto ed imporsi di tornare alla normalità il prima possibile, infatti, porterà a comprimere delle emozioni negative che, comunque, si ripresenteranno.

Se non si è veramente disposti a perdonare il tradimento nell’immediato, o comunque dopo poco tempo, è meglio prendersi del tempo.

Anzi, questo è sicuramente il consiglio migliore che si può dare in questi casi: distaccarsi momentaneamente dall’altro ci permette anche di evitare di prendere delle decisioni sull’onda della rabbia, cosa di cui potremmo pentirci in seguito.

Passate la rabbia e la delusione iniziale, poi, si potrà cercare – eventualmente – di parlarne con il partner e capire cosa fare della relazione.

Vendicarsi di un tradimento non allevia il dolore

Anche la vendetta può essere una reazione in questi casi, ma non permette a chi la mette in atto di stare meglio. Pensare che rendere pan per focaccia possa farci sentire meno delusi e frustrati è un errore. +

Spesso infatti ci si sente anche più vuoti e tristi, dal momento che al dolore per il tradimento estivo del partner si aggiunge il senso di frustrazione per avere fatto qualcosa solo sulla spinta di un comportamento altrui.

Solo dopo che è trascorso un po’ di tempo si può capire se ricominciare con un’altra persona o continuare con la relazione precedente.

Come riprendersi da un tradimento

Nella delicata fase che ci si trova ad affrontare il consiglio è quello di non chiudersi troppo in sé stessi, di cercare l’aiuto delle amicizie sincere e di tenersi occupati con attività che ci possano fare stare meglio.

Uscire con gli amici, rinnovare il guardaroba, fare un viaggio sono solo alcune delle reazioni salutari che si raccomandano per evitare di rimuginare sempre e solo sul tradimento estivo.

Bando anche all’umiliazione nella riconquista del partner e ai pensieri negativi estesi alle relazioni in genere.

Se abbiamo subito un tradimento, questo non vuol dire che sarà necessariamente così qualora decidessimo di intraprendere una nuova relazione! Evitiamo anche di sentirci in competizione con l’amante perché si tratta di un comportamento altrettanto nocivo.

Leggi anche:

Carmela Giglio