09 Febbraio 2017 |

Scarlattina quanto tempo a casa?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Domanda

Buongiorno, mia figlia di 6 anni, prima elementare, ha contratto la scarlattina. Il pediatra mi ha detto di tenerla a casa per due settimane, mentre al pronto soccorso dove ci siamo recati alla comparsa dei puntini ci ha detto massimo sette giorni a casa. Non sono eccessive due settimane?
Grazie
Elysophy85

Risposta

Cara mamma
L’isolamento previsto per legge della scarlattina è di 3 giorni anche se dopo 24 ore di terapia antibiotica il contagio cessa.
Precisamente:
Il bambino non è più contagioso dopo 24-48 ore dall’inizio di adeguata terapia antibiotica. (In era preantibiotica veniva sottoposto alla quarantena).
Studi recenti confermano cose già note da tempo: dopo 1 (UNA ) SINGOLA DOSE DI ANTIBIOTICO NON SI E’ PIU’ CONTAGIOSI. Le attuali linee guida americane (Accademia Americana di Pediatria, AAP, e i Center for Disease Control) suggeriscono il rientro dopo 24 ore. Ma lo streptococco non si trova più in gola facendo un tampone faringeo il mattino successivo alla somministrazione nel tardo pomeriggio (entro le 17) di una dose di antibiotico…che va poi proseguito per 10 giorni.
Il lavoro ha analizzato 111 bambini affetti da faringo­tonsillite streptococcica (positività del tampone faringeo al test rapido o all’analisi colturale) e dimostra come un’unica dose di amoxicillina (50 mg/kg), anche se somministrata nel tardo pomeriggio (entro le 17), comporti la negativizzazione del tampone faringeo già il mattino successivo in oltre il 90% dei pazienti.
La scarlattina, contrariamente ad altre malattie “esantematiche” non dà immunità permanente. Può pertanto recidivare.
Altre informazioni qui: https://ferrandoalberto.blogspot.it/2015/05/mal-di-gola-e-scarlattina.html
Cordiali saluti
Alberto Ferrando