28 Novembre 2016 |

Sbalzi ormonali, cambi di personalità e di libido, che faccio?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Domanda

Buongiorno dottoressa, ho 46 anni e da più di 5 anni convivo con la mia compagna, di 10 anni più giovane di me. Sono separato (ho conosciuto lei…) e ho due figli che vivono con la madre. Lei ha una figlia con la quale ho un rapporto conflittuale (anche lei lo ha…). Ho conosciuto solo due donne nella mia vita, lei invece ha avuto molte storie, quasi sempre solo sesso. Da qualche mese stiamo cercando di avere un figlio insieme, ma, da esami appena fatti, la mia età si fa sentire. È ancora possibile per me, ma con più difficoltà. Il problema, che in realtà è sempre stato presente nella nostra storia, é che lei attraversa tre periodi durante il mese. Quando le finisce il ciclo la sua voglia di fare sesso è incredibilmente alta e capita che lo facciamo anche due tre volte al giorno. In ognuna, lei raggiunge l’apice anche due tre volte. Per circa 8-10 giorni stiamo bene insieme e il sesso è davvero appagante (il sogno della mia vita…). Superato il “periodo fertile” lei diventa di ghiaccio, non ha mai voglia. Poi comincia il periodo premestruale nel quale si fa poco o niente. Poi il ciclo in cui lei viene presa da forte depressione, perché non è incinta.
Il problema è che convivo con una donna dalla “tripla personalità”. Una mangia-uomini, una suora e una depressa. La mangia-uomini mi suggerisce anche come prendere la suora, tipo “prendila con la forza che poi le piace”. A lei piace essere presa con la forza, ma un conto è farlo quando lei è nel periodo “giusto”, un altro è farlo quando è in quello “sbagliato”. Mi sembra di violentarla davvero. Se vado avanti poi magari le piace, ma è difficile metterla “in moto”. “Ecco, da me vuoi solo il sesso”, “c’è altro nel nostro rapporto”… sono due delle sue giustificazioni. Le mie risposte sono che pur essendo vero che non c’è solo il sesso, c’è ANCHE il sesso. Con la depressa poi, è davvero complicato… Pianti continui anche per un giorno intero, nonostante il mio cercare di rincuorarla.
Mi rendo conto che dovrei essere comunque contento della situazione, ma, per come sono fatto io, preferirei di gran lunga che il periodo buono si prolungasse per più giorni, oppure, almeno, che si “spalmasse” su più giorni. Sono perfettamente conscio che la biologia femminile prevede sbalzi ormonali molto alti, con picchi alle stelle e profonde voragini, ma quello maschile, o almeno il mio, è un unico “picco”. Sarò probabilmente più “anormale” io, che ho sempre voglia, rispetto a lei, ma la situazione comincia davvero a pesarmi. Sono costretto, saltuariamente, a “provvedere” in solitario alle mie esigenze…
Io la amo tantissimo e sto bene con lei, ma vorrei qualcosa di più sotto il profilo “sesso”.
La ringrazio e La saluto cordialmente.
max70

Risposta

Gentile Max 70, vi sono in poche righe da lei scritte, molte cose che andrebbero considerate. Dato che questo non è lo spazio adatto a un vero approfondimento, le do alcuni spunti di riflessione “sezionando” quella che è la situazione da lei presentata e la invito comunque a valutare seriamente di prendere in considerazione la richiesta di un supporto psicologico per quanto sta accadendo. 1- Questioni fisiologiche: la sua compagna risente molto degli sbalzi ormonali legati alle tre fasi del ciclo, ciononostante non mi sembra abbia preso in considerazione di fare una visita ginecologica e farsi prescrivere integratori o ormoni, che possano aiutarla a tamponare gli sbalzi di desiderio e umore cui è soggetta. E questo sarebbe un primo step da affrontare, poiché la variazione è così tangibile da stravolgere tutto (lei parla di triplice personalità addirittura…), oltre il menage sessuale, Dovrebbe esserci una presa di consapevolezza, e un conseguente agire, ma in 5 anni, pare che nonostante siate consci del problema, in realtà, in qualche modo, queste dinamiche tengano vivo il rapporto…o non vogliono essere affrontate davvero come andrebbe fatto. 2- Sconforto per la mancata gravidanza: è comprensibile, ma allo stesso tempo, a maggior ragione un supporto psicologico è necessario, poiché alla lunga tutto questo viver la sessualità, sperare, deludersi…logora, da più punti di vista. Allo stesso tempo anche la psiche è potente in queste situazioni. 3- dinamiche familiari: il rapporto conflittuale con la figlia della sua compagna, andrebbe superato prima di mettere al mondo un figlio vostro, sia per il bene di questa ragazza che delle vs dinamiche, che per il futuro bambino. Lei è sicuro di volere altri figli? O sta pensando già a quali conseguenze potrebbe avere una gravidanza sul vs rapporto (sessuale e non?…) Ne avete parlato? 4-Le ha un desiderio sessuale più costante, non dovrebbe crearle problema soddisfarsi da sé (anche se la cosa o la fa sentire in colpa o non le piace…da come scrive), ma è chiaro che lei lo vive come tale e, nonostante premetta che ha dei forti sentimenti per questa donna, infine sottolinea che per lei è importante la vs sessualità. La percezione della sua compagna è la medesima, per lei il sesso viene prima di tutto il resto, e anche se non è un suo sentire, lo trasmette. Forse invece che prenderla con la “forza” (contrariamente a come la sua compagna suggerisce di fare…) potrebbe tentare con più dolcezza, massaggi e simili, anche solo per cambiare le dinamiche. Sarebbe utile quindi dopo un primo step dal ginecologo un consulto di coppia, con uno psicoterapeuta specializzato in sessuologia. Vi aiuterebbe sia per le insicurezze della sua compagna nei periodi “no”, sia per comprendere le vs dinamiche, sia per aiutare lei a comprendere cosa si celi dietro questo costante desiderio/forse necessità. Inoltre anche a mettersi nei panni della sua compagna..perché giustamente la richiesta è sua personale, ma la sua compagna, quando ne parlate, tira fuori un disagio rispetto a questa richiesta, accusandola di pensare solo alla sessualità. Quello che lei vorrebbe, ossia una sessualità più costante, come vede, dipende da più fattori, il suo quesito non è semplice, come a lei potrebbe sembrare, e per migliorare la situazione deve mettere in gioco davvero se stesso e portare la sua compagna a seguirla sui punti di cui sopra. Specialmente visto che la prospettiva è di costruire una famiglia, che influirà molto sul vs rapporto. Cordialmente