19 Maggio 2017 |

Brava a letto si diventa?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Domanda

Buongiorno.
Sono una ragazza di 29 anni. Le scrivo perché non so proprio a chi altro rivolgermi…
E’ la seconda volta che mi capita di andare a letto con un uomo e di sentirmi dire che il rapporto non è stato il massimo…
L’ultimo addirittura mi ha detto che sono stata una “mummia” e che faceva tutto lui. Questa cosa mi ha buttata molto giù di morale,sia perchè in realtà quest’uomo mi piaceva e avrei voluto riuscire a dargli piacere, sia perchè obbiettivamente non so che fare, come migliorare da questo punto di vista.
Adesso la frequentazione con questa persona è finita per altri motivi, ma ho paura che se dovesse capitarmi di frequentare un’altra persona potrei sentirmi dire la stessa cosa.
Se qualcuno mi dicesse : non sei brava a cucinare, mi eserciterei fino a diventare un’abile cuoca, ma in questo caso cosa devo fare? Non posso di certo andare a letto con alcuni uomini tanto per diventare brava nel sesso e neanche ,però, vorrei che il sesso con un altro eventuale futuro ragazzo si riveli di nuovo una completa delusione per lui..
kikka87

Risposta

Buongiorno Kikka, capisco le sue perplessità. Ovviamente avrei necessità di farle tutta una serie di domande per capire meglio la situazione, e non è questa la modalità / luogo. Detto questo vorrei intanto che non si sentisse “sbagliata”, a causa del poco tatto delle persone con cui è stata ( a prescindere definirla una mummia, magari come pretesto a termine della relazione, non è certo signorile, e quindi, da una parte, meglio che questa relazione sia terminata, ci sono modi e modi per comunicare all’altro/a cosa potrebbe non avere funzionato nel rapporto). Non esiste un “manuale di istruzioni” per imparare a fare sesso bene, soprattutto ogni persona è differente e ciò che non piace a qualcuno può sicuramente piacere a un altro. Premesso questo, c’è da dire che nei rapporti intimi ci sono sempre molte inibizioni, e ciò che invece andrebbe abbattuto è pensare di non dover comunicare con il partner anche durante i preliminari e il sesso, credendo erroneamente che l’altro possa avere una sorta di veggenza sulle nostre preferenze. Purtroppo così non è. Trovare un affiatamento a livello sessuale richiede sempre un po’ di tempo e “impegno”. Piuttosto che interrogarsi su come imparare bene a fare sesso, si chieda invece se a lei piace farlo e se si lascia andare al piacere come prima cosa. Sarebbe importante anche capire quanto questi compagni si siano dedicati a lei, per consentirle di lasciarsi andare al rapporto in modo piacevole. Comprendo il suo paragone con la cucina, ma allo stesso tempo la sessualità è qualcosa di talmente intimo che per quanto vi siano alcuni libri, come “Fallo felice” (dove può trovare idee / suggerimenti pratici, se è questo che cercava) che danno comunque qualche informazione. Mi lasci però farla riflettere sul fatto che senza la passione, il coinvolgimento autentico, diverrebbe un puro esercizio ginnico…la chimica tra due persone deve esserci di base, e poi su quella si può sicuramente approfondire la conoscenza reciproca. Se volesse contattarmi in privato per un approfondimento resto a disposizione. Le recenti normative consentono consulenze via skype. Mi auguro intanto di averla fatta riflettere su alcuni punti fondamentali. Cordialmente