Prendere casa in affitto, gli errori da evitare

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Quando si cerca casa in affitto e la si trova è importante seguire delle regole precise per evitare che qualcosa vada storto e che si proceda nel migliore dei modi. Ecco tutte le accortezze da seguire e gli errori da non commettere!

Casa in affitto: l’errore di vedere una volta la casa

L’appartamento che volete deve essere la vostra zona comfort. Per questo è necessario vederlo più di una volta così da fare una scelta consapevole. Prima di firmare il contratto, visitatela seconda volta. In questo modo, l’entusiasmo sarà nel frattempo scemato e sarete in grado di vedere con più attenzione qualunque dettaglio.

Occhio alla luce!

Un appartamento luminoso è quello che ci vuole. Alcuni appartamenti, però, sono molto luminosi di mattina, ma il resto del giorno diventano bui e cupi. Quindi durante la seconda visita, vi consigliamo di scegliere un’ora diversa della giornata.

Altro errore: non firmare un contratto di affitto

Un affitto senza contratto non darà alcuna garanzia e non proteggerà legalmente. Non potrai dimostrare di aver pagato mensilmente, né avrai alcun preavviso se il proprietario deciderà che ha improvvisamente bisogno della casa. E’ importantissimo tutelarsi prima di ogni cosa.

Insomma, il contratto è non solo legalmente necessario ma anche utile, sia a te che al proprietario di casa. Nel contratto, infatti, deciderete la somma da pagare mensilmente, le caparre, gli obblighi e i diritti di entrambe le parti.

Informarsi sempre su tutto

Da tenere d’occhio i costi accessori. Si tratta dei costi non calcolati nella quota mensile di affitto, per esempio le bollette o il condominio. E’ importantissimo saperli perché possono ribaltare la somma totale e di cui, dunque, è bene chiedere fin dall’inizio. Alcuni, infatti, includono bollette e condominio nella quota mensile, ma la maggior parte delle volte, invece, non è così. Prima di ritrovarsi davanti a spiacevoli inconvenienti a contratto già firmato, fai tutte le domande del caso.

Non sapere i problemi della casa

Altro problema in cui spesso s’incorre avendo poca esperienza in materia: la casa può avere un aspetto magnifico, ma potrebbe nascondere qualcosa che non si conosce. Fare più domande possibili vi aiuterà.

Sbagliare il budget disponibile

Andare in affitto significa pagare, a cadenza regolari e stabilite dal contratto, una certa cifra che andrà a decurtare lo stipendio che si guadagna mensilmente.

Leggere il contratto superficialmente

Il contratto va letto con estrema attenzione. Nessuna lettura superficiale, anzi va rivisto almeno quattro volte. In questa fase può essere utile anche sottoporre il testo ad un avvocato o esperto del settore. Per evitare la pressione di leggere il contratto davanti al proprietario di casa, il potenziale affittuario ha il diritto di chiedere una bozza.